1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

GI: poche speranze di ampia rivalutazione dello yuan nel medio periodo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La rivalutazione del renmibi (yuan) sul dollaro annunciata ieri dalla Banca del Popolo cinese non cambierà quasi niente nelle economie americana e del grande paese asiatico. A sostenerlo è l’istituto di studi economici indipendente Global Insight, che si unisce al coro di quanti sono convinti che una rialzo del 2% della moneta cinese non cambierà le ragioni del commercio mondiale, anche se a guidare ora la moneta è un paniere di monete. Non solo. Sebbene molti osservatori giudichino questo solo il primo passo verso una maggiore apertura, Gli analisti di GI non lasciano molta speranza che la strada intrapresa dall’Istituto centrale cinese porti ad un effettiva rivalutazione della moneta del Celeste Impero nel medi periodo. Nei prossimi due anni infatti “Pechino permetterà una rivalutazione non superiore al 10%” nonostante gli attuali modelli econometrici evidenzino che il renmibi sarebbe sottovalutato del 30-40%. Insomma, poche speranze di reali cambiamenti del commercio tra Usa e Cina, e più in generale del commercio mondiale.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Indagine procura di Campobasso

Usura bancaria: indagato ministro Paolo Savona

Il ministro degli affari europei Paolo Savona risulta indagato dalla procura di Campobasso per usura bancaria. All’epoca dei fatti avona era al vertice di Unicredit. Oltre al ministro altri nomi …

Dati Consulta Nazionale dei Caf

Fisco: pochi scelgono il 730 on line, 86% si rivolge al Caf

Agli italiani piace il 730 precompilato ma non così tanto visto che ancora l’86% preferisce rivolgersi al Caf per compilare la dichiarazione dei redditi. A dirlo i dati diffusi dalla …

Riassetti societari

Snaidero: maggioranza in mano al fondo IDeA Ccr

La maggioranza del capitale azionario della Snaidero Rino, azienda friulana attiva nella produzione di cucine componibili, dopo essere stata vicina al passaggio ad un soggetto industriale cinese, ora è in …