1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Fca: immatricolazioni in Europa +14% a dicembre e nel 2016, meglio del mercato

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

fca immatricolazioni

Chiusura d’anno positiva per Fiat Chrysler Automobiles (Fca), che riporta ancora una crescita a doppia cifra delle immatricolazioni in Europa. A dicembre le immatricolazioni del gruppo automobilistico nei Paesi dell’Unione europea e quelli dell’associazione europea di libero scambio (Islanda, Norvegia e Svizzera) sono state pari a 74mila unità, in rialzo del 13,7%, facendo meglio del +3,2% del mercato. La sua quota è salita di 0,6 punti percentuali al 6,2%. Tra i singoli marchi, è stato un boom di immatricolazioni per Alfa Romeo con un +43,7% nel solo mese di dicembre.

Risultati migliori del mercato anche sull’intero 2016. Fca ha riportato una crescita delle immatricolazioni di oltre il 14% nel 2016 e ha migliorato la quota di mercato di 0,5 punti percentuali al 6,6%. Nell’anno tutti i marchi di Fca sono cresciuti di valori superiori a quelli del mercato: in particolare, la Fiat 500X e la Jeep Renegade si sono confermate stabilmente tra le top ten europee del loro segmento, così come positivo è stato l’anno per 500, 500L e Panda (vetture più vendute nei loro segmenti) e per la Tipo, in costante crescita. In particolare, è stato un altro anno da record per Jeep, con il miglior risultato di sempre in Europa: nel 2016 il brand ha incrementato le immatricolazioni del 19% e la sua quota di mercato allo 0,7 per cento dal precedente 0,1%.

Numeri che fanno dimenticare almeno per oggi le accuse per le emissioni dei motori diesel emerse negli Stati Uniti e in Germania nei giorni scorsi. Ieri il ministero dei trasporti tedesco ha chiesto il richiamo per violazioni sul fronte emissioni di tre modelli Fca (si tratta di Fiat 500, Fiat Doblò e Jeep Renegade) (Leggi QUI). Dopo i recenti ribassi, il titolo Fca oggi tenta il riscatto: in una seduta poco mossa a Piazza Affari l’azione mostra un rialzo di oltre 2 punti percentuali scambiando a un soffio dai 9 euro.