1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

L’economia UK sconfigge (per ora) lo spauracchio Brexit. E Nissan aumenta gli investimenti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Mostra i muscoli l’economia britannica. I dati odierni hanno evidenziato come il Prodotto interno lordo (Pil) della Gran Bretagna ha segnato nel terzo trimestre una crescita dello 0,5% rispetto al periodo precedente e del 2,3% su base annua, in accelerazione dal +2,1% precedente. La variazione è migliore delle aspettative. Gli analisti prevedevano una crescita del Pil inglese dello 0,3% su base trimestrale e del 2,1% su base annua. A fare da traino il settore dei servizi con un progresso congiunturale dello 0,8%.
Si tratta del 15esimo trimestre consecutivo di crescita per l’economia inglese. Il periodo copre da luglio a settembre, vale a dire i primi mesi successivi al referendum del 23 giugno scorso che ha sancito la Brexit e in cui si è assistito al cambio del primo ministro inglese, al tonfo della sterlina e al primo taglio dei tassi di interesse da parte della Bank of England negli ultimi sette anni.

Effetto sterlina su turismo ed estate lunga, ecco le sponde al PIL
Dietro a questa resilienza della Gran Bretagna allo spauracchio Brexit c’è sicuramente il fatto che gli effetti del voto dello scorso giugno si concretizzeranno non subito. “La Brexit vera e propria ci sarà non prima dei prossimi due anni – sottolinea James Knightley, economista senior di Ing – . Nei mesi estivi il bel tempo e la buona prestazione britannica ai Giochi Olimpici possono aver contribuito a sollevare l’umore nazionale e deviato l’attenzione lontano dalle preoccupazioni da Brexit. Inoltre, la svalutazione della sterlina ha reso il Regno Unito una destinazione turistica ancora più attraente”.

Le ricadute da Brexit, a detta degli economisti, dovrebbero però iniziare a farsi sentire nel corso del 2017 con l’aumento dell’inflazione atteso che dovrebbe andare a erodere il potere d’acquisto delle famiglie. 

Nissan rilancia e produrrà a Sunderland due nuovi modelli
Proprio oggi è poi arrivata la notizia che Nissan, la casa automobilistica con maggior peso nel Regno Unito, che ha deciso di aumentare gli investimenti nel suo impianto a Sunderland (che vanta 7.000 impiegati) per produrre le versioni di nuova generazione di alcune delle sue auto più vendute.
La decisione di Nissan è legata al “sostegno e alle rassicurazioni” avute da parte del governo dopo che l’ Amministratore Delegato Carlos Ghosn ha incontrato il primo ministro Theresa May invitando il governo a compensare la società per eventuali conseguenze negative da Brexit come condizione per nuovi investimenti.