1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Cina mette al bando offerte ICO, Bitcoin e Ethereum fanno crash

Focus anche sul rally dei prezzi dell’argento, che hanno superato la resistenza corrispondente ai massimi di inizio giugno, salendo fino a $18, al valore più alto dallo scorso 25 aprile.

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Bitcoin ed Ethereum KO dopo che la Cina ha confermato la messa al bando della raccolta fondi tramite ICO (initial coin offerings), definendo tali transazioni illegali e capaci di provocare disfunzioni sui mercati finanziari.

La conferma del NO è arrivata attraverso un comunicato che la banca centrale cinese, People’s Bank of China, ha pubblicato sul proprio sito. L’istituto ha anche chiesto a tutti coloro che gestiscono attività di raccolta fondi tramite ICO di interrompere immediatamente le operazioni.

Ancora: le organizzazioni e gli individui che hanno completato le offerte iniziali di valute dovranno restituire al più presto i fondi raccolti, al fine di “proteggere i diritti degli investitori, e anche per gestire in modo appropriato i rischi”.

Andando oltre al bando già stabilito sugli ICO dalla Sec, la People’s Bank of China ha sancito il divieto di conversioni dalle monete digitali a quelle fiat.

“La moneta digitale non può essere utilizzata alla stregua di valuta sui mercati”.

Immediato il crash delle criptovalute, con il Bitcoin crollato di oltre -8%, al tasso più sostenuto da luglio rispetto al valore di chiusura, scivolando a $4.480. L’Etherem ha ceduto oltre -11%, attestandosi poco al di sopra di $310, dopo essere stato scambiato a circa $400, la scorsa settimana.

Oggi, in una seduta che inaugura una settimana dove a essere protagonisti saranno le notizie relative alla Corea del Nord e alla Bce, gli investitori hanno guardato anche al record in quattro mesi testato dai prezzi dell’argento e al rally dell’oro fino ai massimi del periodo dell’Election Day in Usa.

In particolare, nelle ultime ore, i prezzi dell’argento hanno superato la resistenza corrispondente ai massimi di inizio giugno, salendo fino a $18, al valore più alto dallo scorso 25 aprile.