Chiusure miste per le Borse europee

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seduta contrastata sulle piazze finanziarie del Vecchio continente, in una giornata caratterizzata da una serie di annunci societari rilevanti e dall’assenza di un vero proprio trend generalizzato. La notizia di maggior rilievo in tutta Europa è stata costituita dalla fusione annunciata tra due colossi nord europei della produzione di greggio e gas naturale. Statoli ha infatti acquisito le attività di Norsk Hydro ad eccezione di quelle legate alla produzione di alluminio. Il titolo Norsk Hydro ha chiuso la sessione con un rialzo di circa 20 punti percentuali. Difficile invece fin dalla mattinata la seduta di British Telecom che ha reso noto di aver rilevato per fine 2005 un deficit pensionistico pari a 3,4 miliardi di sterline, contro un surplus inizialmente previsto. Il Dax di Francoforte ha chiuso in rialzo dello 0,13%, il Cac40 di Parigi ha ceduto lo 0,20%, mentre l’Aex25 ha lasciato sul terreno lo 0,15%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…