Bpi: Euromobiliare accredita come favorita al deal Bpvn

Inviato da Micaela Osella il Gio, 31/08/2006 - 11:51
I fari del mercato sono puntati sulla Banca Popolare Italiana. Oggi a Lodi si terrà un board che dovrebbe analizzare le proposte di aggregazione. E investitori ed operatori di mercato attendono qualche grossa novità. Dall'altra parte la lista dei pretendenti è lunga e stranota da tempo: si spazia dalla Banca Popolare di Milano al Banco Popolare di Verona e Novara passando anche per la Banca Popolare dell'Emilia. Tanti candidati che non hanno stuzzicato negli ultimi mesi un accanito toto-partner nei corridoi di Piazza Affari. Secondo le ultimissime della stampa Bpvn sarebbe in pole position. Un'ipotesi che piace anche agli analisti di Euromobiliare. "E' la banca che può offrire di più potendo estrarre maggiori sinergie", commentano in una nota. In particolare, "se Bpvn dovesse lanciare un'offerta la valutazione potrebbe aggirarsi intorno agli 11 euro per azione. Considerando la stima di sinergie pre-tasse che abbiamo al 2009 l'operazione sarebbe accrescitiva di almeno il 5 per cento". La Banca Popolare di Milano secondo i calcoli di questi esperti potrebbe valutare Bpi fino a 10 euro per azione in carta, mentre BPU potrebbe valutare la ex Lodi fino a 10,5 euro per azione. La valutazione di Euromobiliare resta positiva su Bpi con un target price posto a 9,7 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA