Bipop-BRoma: Fondazione Manodori in “castigo”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Secondo indiscrezioni di stampa la nuova aggregazione Banco di Roma-Bipop–Banco di sicilia sarà capace di utili netti di gruppo pari a 900 milioni di euro nel 2004, con un Roe che dovrebbe attestarsi intorno all’11%. Interessante l’ipotesi delle nuove quote societarie, presupposto della valorizzazione degli asset da coonferire: la Fondazione Cassa di risparmio di Roma avrebbe il 10,9%, Toro e Abn Amro 6,6% ciascuno, Regione Sicilia 3,3%, Garfin 3,2%, Fondazione Bds 3,2%, Fondazione Manodori 3,1%, Libyan Arab Foreign bank 3% e Reale Mutua 1,5%. La Fondazione Manodori, già primo azionista di Bipop dopo l’aggregazione con Carire, avrebbe così un ruolo marginale nel nuovo assetto.