1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Bankitalia: in accordo con Governo ok a piano salva-banche, operazione da 3,6 mld di euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Il Governo e la Banca d’Italia hanno trovato la soluzione alla crisi delle quattro banche in amministrazione straordinaria: Banca Marche, Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio, Cassa di Risparmio di Ferrara e CariChieti. Il salvataggio ha visto la creazione di quattro nuove banche con un’operazione da 3,6 miliardi di euro utilizzando le nuove norme europee sui salvataggi bancari e il Fondo di risoluzione nazionale. Le quattro banche hanno una quota di mercato pari all’1% circa in termini di depositi. 
Le perdite accumulate nel tempo da questi istituti sono state assorbite in prima battuta dagli strumenti d’investimenti più “rischiosi”: azioni e obbligazioni subordinate. Il ricorso a queste asset class è espressamente richiesto nelle nuove direttive europee del “Bail-In”, che entreranno in vigore in Italia dal 1° gennaio 2016. 
Nel dettaglio per ciascuna delle quattro banche la parte “buona” è stata separata da quella “cattiva”. Alla cosiddetta banca buona sono state conferite tutte le attività diverse dai prestiti in sofferenza, ovvero depositi, conti correnti e obbligazioni senior. Il capitale è stato ricostituito a circa il 9% del totale dell’attivo dal Fondo di risoluzione, alimentato da tutte le banche del sistema. A presiedere la “banca buona” sarà Roberto Nicastro, ex direttore generale di Unicredit.
 
Si è inoltre costituita una bad bank nella quale sono stati concentrati i prestiti in sofferenza. La dotazione di capitale alla band bank verrà fornita dal Fondo di risoluzione. I prestiti in sofferenza, svalutati a 1,5 miliardi di euro dall’originario valore di 8,5 miliardi, saranno venduti a specialisti nel recupero crediti o gestiti direttamente per recuperarli meglio. 
L’impegno immediato del Fondo di risoluzione è così suddiviso: circa 1,7 miliardi di euro andranno a copertura delle perdite delle banche originarie, 1,8 miliardi saranno utilizzati per ricapitalizzare le banche buone, mentre 140 milioni andranno alla bad bank per dotarla del capitale minimo necessario a operare. La liquidità necessaria al Fondo è stata anticipata da Intesa SanPaolo, Unicredit e Ubi Banca a tassi di mercato e con scadenza massima 18 mesi
“Il contribuente non subisce alcun costo in questo processo. L’intero onere del salvataggio è posto innanzitutto a carico delle azioni e delle obbligazioni subordinate delle 4 banche, ma è prevalentemente a carico del sistema bancario italiano”, si legge nella nota di Bankitalia.
Commenti dei Lettori
News Correlate
SETTORE ENERGETICO

Eni annuncia nascita Var Energi

Eni ha annunciato stamattina la conclusione dell’operazione di fusione tra Point Resources e Eni Norge, dando così vita a Vår Energi, società indipendente leader nel settore dell’esplorazione e produzione di …

APERTURA MERCATI

Piazza Affari sale in avvio, male Salvatore Ferragamo

Acquisti a Piazza Affari. Il Ftse Mib segna un progresso dello 0,71% a 18.723 punti dopo il quasi +1% della vigilia. Una sponda importante arriva dal rasserenamento del clima tra …

CAMBI

Ferragamo: Cfo Ugo Giorcelli si dimette

Salvatore Ferragamo ha annunciato che il direttore amministrazione, finanza e controllo, Ugo Giorcelli, lascerà dal prossimo 11 gennaio l’incarico di Cfo “per intraprendere un nuovo percorso di crescita professionale”. In …

ITALIA

LU-VE acquista divisione “Air” di Alfa Laval

LU-VE ha annunciato di aver raggiunto un accordo per l’acquisizione della divisione “Air” del Gruppo Alfa Laval, attiva nella produzione e commercializzazione di scambiatori di calore ventilati industriali e commerciali …