1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Aumento Iva: Cgia, a regime graverebbe fino a 103 euro a famiglia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Si avvicina la scadenza del 1° ottobre quando è previsto lo scatto dell’aumento dell’Iva dal 21 al 22%. Secondo i calcoli della Cgia di Mestre, ipotizzando che i comportamenti di consumo delle famiglie italiane rimangano immutati, per un nucleo costituito da 3 persone l’aggravio medio annuo sarà di 88 euro. Nel caso di una famiglia di 4 componenti, l’incremento medio annuo sarà invece di 103 euro. Visto che per il 2013 l’aumento dell’Iva interesserebbe solo l’ultimo trimestre, per l’anno in corso gli aumenti di spesa saranno pari a 22 euro per la famiglia da 3 persone e 25,75 euro per quella da 4. Complessivamente, rimarca la Cgia, il costo di questa operazione graverà sulle tasche dei consumatori per un importo di circa 1 miliardo di euro per il 2013 e di 4,2 miliardi per il 2014.
“Bisogna assolutamente scongiurare questo aumento – sottolinea Giuseppe Bortolussi, segretario della CGIA – Se ciò non avverrà, corriamo il serio pericolo di far crollare definitivamente i consumi che ormai sono ridotti al lumicino. Questa è una crisi economica che va affrontata dalla parte della domanda: solo incentivando i consumi interni possiamo rilanciare la produzione. Altrimenti, siamo destinati ad accentuare la fase recessiva che comporterà un aumento delle chiusure aziendali e la crescita del numero dei senza lavoro”.