1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Aston Martin tenta sorpasso a Ferrari, le auto di 007 verso Ipo con valutazione monstre

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Aston Martin tenta il grande sorpasso della Ferrari puntando a ottenere dallo sbarco alla borsa di Londra previsto ad ottobre una valutazione di mercato fino a 6,7 miliardi di dollari (5,07 miliardi di sterline). Il produttore di auto sportive di lusso rese famose dai film di James Bond ha presentato i dettagli della sua IPO proponendo agli investitori una forchetta di prezzo compresa tra 17,50 e 22,50 sterline per azione che, al cambio attuale, significa per l’appunto una valorizzazione di oltre 5,7 mld di sterline.

Aston Martin indica i dettagli dell’IPO

Aston Martin metterà sul mercato un flottante del 25% e la tempistica della quotazione dimostra la volontà degli azionisti – tra i quali la Investindustrial di Bonomi e il Kuwait – di anticipare la Brexit, evento che potrebbe colpire le ditte delle quattro ruote con nuovi dazi. La valutazione è “un grande voto di fiducia”, ha detto l’amministratore delegato Andy Palmer in un’intervista, notando che l’azienda valeva meno di un decimo del suo valore attuale quando è iniziata la svolta. “La cosa più importante dal mio punto di vista è che siamo solo a metà della pista. Abbiamo rinnovato il portafoglio esistente e abbiamo molto davanti a noi”.

Il primo SUV targato Aston Martin uscirà nel 2020, e sbarcherà sul mercato cinese – un vantaggio sulla Ferrari, che questa settimana ha rinviato il lancio del suo modello di punta Purosangue al 2022. A partire dal 2014, da quando Palmer è diventato CEO, l’azienda ha subìto una ristrutturazione completa che permesso di aumentare i volumi di produzione e reso possibile l’espansione in nuovi segmenti di mercato. Palmer ha detto che l’interesse degli investitori alla quotazione è stato “senza precedenti”. “Tendenzialmente, la tipologia di investitori è quella dei ‘long only’, gente che comprende che questa è una storia di crescita”, ha spiegato il numero uno di Aston Martin.

Analisti scettici sul paragone con la Ferrari

Come fa notare Bloomberg, la valutazione avvicina Aston Martin alla Ferrari che attualmente scambia sul mercato a multipli pari a 20,5 volte il margine operativo lordo previsto per il 2018. Gli analisti, tuttavia, sono scettici sul fatto che l’attività di Aston Martin possa avere una valutazione come quella della Ferrari. “Amiamo il marchio. Rispettiamo il management ma non riusciamo a vedere come possa essere realistico un multiplo come quello della Ferrari “, ha detto Max Warburton, analista alla Sanford C. Bernstein & Co. “Stanno mettendo sul mercato un’azienda in perdita sulla base dei GAAP statunitensi, con una redditività debole e un bilancio fragile, vendendo auto a prezzi molto più bassi, a un pubblico molto meno dedicato”.