1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Anche la violenze in Nigeria soffiano sul prezzo del petrolio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

E’ come se le sanguinose elezioni presidenziali in Kenia avessero sollevato un vaso di Pandora: mentre il Paese africano è ancora nel caos, insurrezioni si registrano anche in Nigeria. Militari nigeriani hanno ucciso 12 civili nei pressi della città del petrolio Port Harcourt lo scorso primo gennaio. Una situazione che si è riverberata ieri sulle quotazioni del petrolio a un soffio dai 100 dollari al barile: la tensione che si respira nel Paese porta gli investitori a temere che la spirale di violenza in Nigeria possa distruggere i rifornimenti dal momento che la domanda globale per le commodities è in forte crescita. La violenza ha mandato in fumo la produzione giornaliera del Paese che figura tra i maggiori produttori petroliferi dell’Africa.