1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Unicredit-Mps, governatore Toscana si mette di traverso: niente fusione, porterebbe a 6mila esuberi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il matrimonio Unicredit-MPS non s’ha da fare. E’ questo il succo delle parole pronunciate ieri dal presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, che intende collaborare con il governo per una soluzione alternativa che veda il Tesoro mantenere il controllo.

“E’ necessario approfondire fino in fondo altre prospettive. Allo Stato chiediamo di non procedere alla fusione ma di attendere il tempo necessario per poter rafforzare e valorizzare le caratteristiche della banca”, sono le parole di Giani stando a quanto riportato da Toscana notizie, agenzia di informazione della Giunta regionale.

Giani, che ha avuto un incontro con i segretari regionali delle confederazioni Cgil, Cisl e Uil e le categorie dei bancari, ritiene che una fusione di Mps con Unicredit rischia di comportare 6 mila esuberi “e l’assoluta perdita di identità di una banca che da secoli trova in Toscana una sede privilegiata”.