1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Il metallo ultra raro che quest’anno fa meglio del bitcoin, ma comprarlo è una mission (quasi) impossible

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

C’è un metallo che quest’anno sta lasciando indietro tutte le altre principali materie prime e anche il Bitcoin, l’asset del momento. La sfida per gli investitori è però quella di riuscire a comprarlo. Parliamo dell’iridio, uno dei metalli preziosi più rari ed estratto come sottoprodotto di platino e palladio, che è salito del 131% dall’inizio di gennaio, battendo di gran lunga il rialzo del 100% circa del Bitcoin.

Tre volte più costoso dell’oro

L’iridio, che è anche usato nelle candele, è salito a 6.000 dollari l’oncia, secondo i dati di Johnson Matthey Plc. Questo lo rende più di tre volte più costoso dell’oro. Il Sudafrica è uno dei principali produttori di iridio. Il principale problema connesso all’iridio, rimarca un articolo pubblicato recentemente da Bloomberg, sono i problemi di estrazione e il fatto che con un mercato molto più piccolo delle sue sorelle più famose, i problemi di produzione possono avere un grande impatto sui prezzi. Anche scommettere su di esso è difficile, poiché la domanda è  dominata dagli utenti industriali.

Come averlo

L’iridio non è scambiato su una borsa o attraverso fondi negoziati in borsa, gli acquisti retail sono limitati ai lingotti da una manciata di commercianti e i pochi grandi investitori che lo trattano vanno direttamente a richiederlo dai produttori.
Inoltre, il tempo di approvvigionamento è troppo lungo per aumentare l’offerta in modo tempestivo. Jay Tatum, gestore di portafoglio presso Valent Asset Management, asserisce che l’unica soluzione a breve termine è l’aumento dei prezzi per convincere le persone a vendere le loro partecipazioni esistenti.
La prospettiva di un’offerta limitata ha anche contribuito a far salire i prezzi di altri metalli del gruppo del platino. Il palladio è solo il 9% al di sotto del massimo storico, il rodio ha raggiunto un record di 29.800 dollari l’oncia questa settimana e il rutenio ha raggiunto un massimo di quasi 13 anni.