1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. trading ›› 

Tesla spopola tra i trader amatoriali. Tra gli altri ‘best buy’ su RobinHood anche un titolo da +750% in 3 mesi e mezzo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tesla continua a catalizzare gli acquisti e anche oggi promette una seduta avanti tutta. Il titolo segna in avvio +9% a 1.227 dollari, livello che corrisponde con i nuovi massimi storici. Lunedì l’amministratore delegato di Tesla , Elon Musk, ha inviato una mail ai dipendenti indicando che la società potrebbe essere in pareggio nel secondo trimestre. E Tesla oggi ha annunciato di aver consegnato, nel corso del secondo trimestre, 90.650 veicoli, molto meglio delle consegne di 72.000 unità che erano state previste dagli analisti interpellati da FactSet.

Immunità da Covid per il gioiellino di Musk

Con i rialzi di ieri e oggi Tesla ha visto la sua  capitalizzazione di mercato schizzare a 225 Mld $, sorpassando di slancio Toyota (ferma a 202 Mld$) e diventando il primo produttore di auto per capitalizzazione al mondo. Il titolo Tesla, che segna oltre +215% dai minimi di marzo in area 350 $, è tra quelli maggiormente detenuti dagli investitori retail secondo la piattaforma di trading RobinHood.
Tra le azioni più popolari tra gli investitori retail dopo lo scoppio della crisi Covid spicca Penn Nation Gaming , che detiene una partecipazione in Barstool Sports. Le azioni di Penn National Gaming sono aumentate addirittura del 750% dai minimi a 3,75 $ del 18 marzo. Boom di interesse tra i retail anche per il titolo Moderna (società pharma che lavora al vaccino per il Covid-19) che da metà marzo segna oltre +200%.

Lookdown ha scatenato tanti novelli trader

Il lockdown ha costretto molti giovani a rimanere chiusi in casa e in questi mesi molti di loro oltreoceano si sono lanciati in operazioni di day-trading. Goldman  Sachs ha affermato che le società popolari con i trader dilettanti hanno nettamente sovraperformato gli hedge fund e i fondi comuni di investimento nel periodo che va dal fondo del mercato, lo scorso 23 marzo, a oggi.

L’ondata di nuovi investitori al dettaglio in broker come Robinhood, Charles Schwab e TD Ameritrade ha spinto molti a discutere sul fatto che buona parte del rimbalzo degli ultimi mesi sia stato alimentato dagli acquisti euforici dei piccoli investitori.  La piattaforma RobinHood in particolare ha segnato numeri record e c’è chi l’ha ribattezzata “una Instagram per il trading”.
Robinhood – scrive il sito Motley Fool , ridimensionando il fenomeno – vanta 13 milioni di account, ma “molti di questi sono utilizzati da trader molto giovani. E chi è molto giovane non ha di solito tanti soldi”. Di conseguenza, se “è vero che è una grande cosa riuscire a vedere come i giovani imparino a capire come funzionano le cose, la base degli utenti di Robinhood è irrilevante in relazione alla capitalizzazione del mercato azionario”.
Numeri alla mano, il 32% degli utenti di Robinhood ha una età compresa tra 25 e 34 anni, e la popolarità di questo strumento è tale che la start up ha reso noto che, solo nel primo trimestre del 2020, i nuovi account sono stati pari a 3 milioni, di cui la metà circa costituita da persone che non avevano fatto mai trading in vita loro.
Stando a JMP Securities, i soldi presenti nell’account di un utente medio di Robinhood, vanno dai 1.000 ai 5.000 dollari.