1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Telecom Italia: bene a Piazza Affari dopo ok Governo a piano banda larga da 6 miliardi

QUOTAZIONI Telecom Italia
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Telecom Italia viaggia in moderato rialzo oggi a Piazza Affari all’indomani del Consiglio dei ministri che ha esaminato un piano per la banda larga da 6 miliardi di euro nell’ambito dei target previsti dall’Agenda digitale europea. Al vaglio della riunione anche le linee strategiche per l’Italia digitale volte alla diffusione dei servizi online della Pa. Obiettivo: arrivare al 2020 con almeno il 50% delle famiglie abbonate a un servizio a 100 megabit al secondo e copertura garantita con almeno 30 megabit per tutti, con chiusura della rete in rame.

“Per la prima volta l’Italia si dota di un piano che mette insieme diversi ministeri, diverse fonti di finanziamento, fondi propri di Regioni, dei privati: un mix e un tentativo di mettere a unità una serie di competenze e risorse in un quadro strategico che permetta questo paese finalmente di fare la sua rivoluzione digitale, e raggiungere gli obiettivi dell’agenda europea” ha detto il sottosegretario Graziano Delrio al termine del Cdm.

“Gli investimenti sono necessari e accogliamo positivamente la focalizzazione del Governo sulla fibra”, hanno commentato gli analisti di Mediobanca Securities, che più volte hanno ribadito come questo possa rappresentare un supporto per al Pil. “Detto questo, crediamo che l’approccio FTTC rappresenti ancora la strada più efficiente per velocizzare lo sviluppo della rete di nuova generazione nel nostro Paese”.

Il nuovo piano, spiegano gli esperti, prevede per Telecom Italia, in termini di business domestico, investimenti per circa 10 miliardi di euro in tre anni per lo sviluppo della rete fissa di nuova generazione (un miliardo in più rispetto al precedente piano), consentendo al gruppo di coprire il 75% della popolazione entro il 2017 (con 40 città coperte dalla tecnologia FTTH). “Il mix composto da una potenziale ripresa del Pil italiano, dall’incremento degli investimenti nella banca larga e dalla convergenza fornirà un buon supporto al business della linea fissa”, conclude la banca d’affari.