1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Rumor Bper: dopo collasso banche pronta a chiedere revisione prezzo per sportelli Intesa SanPaolo

QUOTAZIONI Ubi BancaIntesa SanpaoloBper Banca
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Una nota di Equita SIM riporta quanto segnalato dal Sole 24 Ore, che ha parlato della possibilità che l’accordo con cui Bper acquisterà gli sportelli di Intesa SanPaolo venga soggetto a revisione.

Così si legge nella nota di Equita SIM:

“Secondo quanto riporta Il Sole, alla luce del collasso delle valutazioni delle banche (provocato dai forti sell off che hanno piegato l’azionario globale a causa dei timori per la diffusione del coronavirus e relativa malattia COVID-19), BPE potrebbe chiedere una revisione del prezzo di acquisto degli sportelli da ISP, a seguito dell’OPS volontaria su UBI. BPE dovrebbe acquistare circa 4-500 sportelli ad un multiplo di 0.55x il capitale allocato (vs 0.4x di BPE ai prezzi attuali post selloff), pari ad un controvalore in base ai nostri calcoli di circa 750 milioni, finanziandosi con un aumento di capitale fino ad 1 miliardo. Gli economics del deal per ISP non risentono secondo noi in modo rilevante di eventuali modifiche del prezzo di cessione degli sportelli”.

Si ricorda che, nella notte tra il 17 e il 18 febbraio, Intesa SanPaolo ha lanciato una offerta pubblica di scambio volontaria sulla totalità delle azioni di Ubi Banca. Al fine di smorzare eventuali timori sulla natura anti competitiva della merger, Intesa ha firmato un accordo per vendere 400-500 filiali dell’entità derivante dalla maxi operazione a Bper Banca e, possibilmente, alcuni asset assicurativi di Ubi Banca a UnipolSai.

Per finanziare l’acquisto delle filiali di Intesa SanPaolo-Ubi Banca Bper, sesta banca in Italia, lancerebbe in via separata un aumento di capitale fino a 1 miliardo di euro. Questa prospettiva aveva immediatamente zavorrato le quotazioni del titolo il giorno dell’annuncio dell’ops di Intesa su Ubi Banca.

Da segnalare che Equita SIM ha un rating “hold” su Intesa SanPaolo e un target price di 2,6 euro, a fronte della chiusura del titolo nella sessione di ieri, pari a 1,75 euro. Anche su Bper il rating è hold, con target a 4,8 rispetto al valore di chiusura del titolo, a 2,64, nella sessione della vigilia. Oggi il titolo Bper è piatto e oscilla attorno alla parità. Intesa SanPaolo balza del 3,65%, Ubi Banca fa +2,14%.