1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Prevale la cautela sui mercati. Ferrari e Fca sfrecciano verso nuovi massimi

QUOTAZIONI FerrariFiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Mercati europei poco mossi nell’ultima seduta della settimana. Ieri sera Wall Street ha chiuso con nuovi record grazie alle speranze di un piano di stimolo per l’economia e al un nuovo importante passo avanti nell’approvazione del vaccino anti-Covid sviluppato da Moderna. Il comitato consultivo della Food and Drug Administration (FDA), l’agenzia farmaceutica statunitense, ha dato il suo parere positivo per l’approvazione all’uso di emergenza del vaccino di Moderna, che dovrebbe iniziare a essere distribuito non appena la FDA avrà dato il suo via libera. Così come successo per Pfizer-BioNTech, il parere della FDA dovrebbe seguire quello del comitato consultivo. Restano tuttavia delle incertezze, legate alla pandemia e ai timori di contagio anche in Asia. Non aiuta nemmeno l’impasse sul fronte negoziale tra Londra e Bruxelles sul post-Brexit che deve riprendere nella giornata di oggi.

Ferrari: volteggia nei pressi dei massimi storici


Ferrari si conferma un titolo eccezionale toccando un nuovo massimo storico il 16 dicembre a 184,6 euro. Dopo una breve fase di lateralità tra la seconda metà di novembre e l’inizio di dicembre, Ferrari è riuscita a superare di slancio il livello statico di breve a 178,5 euro raggiungendo nuovi massimi. RSI vicino all’ipercomprato conferma la forza del movimento così come i volumi in rialzo nelle candele long. A questo punto sarà importante vedere se il titolo proseguirà al rialzo oppure potrebbe iniziare una fase di correzione fisiologica fino al supporto di breve a 178,5 euro. La rottura di tale livello genererebbe debolezza con possibili discese verso 169 e 160 euro.
Per chi volesse operare Long a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End Long UniCredit ISIN DE000HV4HK01 con leva 6 volte e strike a 156,552082 euro, oppure ISIN DE000HV4HK19 con leva 8 volte e strike a 162,573324 euro.
Per chi volesse operare Short a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End Short UniCredit ISIN DE000HV4C8Y2 con leva 9 volte e strike a 199,553178 euro.

Fca: mette nel mirino i massimi di novembre 2019


Anche Fca sta esibendo un grande prova di forza avvicinandosi inesorabilmente ai massimi dello scorso anno toccati il 4 novembre a 14,57 euro. È questo il livello che dovrà affrontare il titolo per poter proseguire al rialzo verso 15,75 e 16 euro. RSI in forte ipercomprato e volumi elevati sottolineano la forza del movimento ascendente rappresentato dalla trend line costruita sui minimi di maggio e ottobre di quest’anno. Al contrario, invece, una ricaduta sotto il supporto a 13,76 euro potrebbe innescare accelerazioni al ribasso con target 12,67 e 11,88 euro, area di prezzo dove passa anche la suddetta trend rialzista.
Per chi volesse operare Long a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End Long UniCredit ISIN DE000HV4HU58 con leva 5 volte e strike a 11,63113 euro, oppure ISIN DE000HV4J5Q7 con leva 8 volte e strike a 12,809361 euro.
Per chi volesse operare Short a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End Short UniCredit ISIN DE000HV4HU82 con leva 8 volte e strike a 15,946512 euro.

DI SEGUITO LE ANALISI DI TRADING FLOOR