1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Popolare Vicenza: aumento a forte sconto, forchetta fissata a 0,10-3 euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Una forchetta di prezzo molto ampia e decisamente bassa, anche rispetto ai 6,30 euro che erano stati fissati per il recesso prima dell’assemblea che aveva sancito la trasformazione in Spa. Per non parlare del prezzo dei titoli a fine 2014, che era pari a 62,50 euro, sceso poi a 48 euro nell’aprile 2015. Già il prezzo del recesso rappresentava una perdita di valore di circa l’87% rispetto ai 48 euro dello scorso anno
I timori di un inoptato molto elevato, che hanno aumentato i dubbi sull’operazione e le preoccupazioni sul ruolo di Unicredit (che fino a qualche giorno fa era il garante unico dell’aumento), hanno portato alla nascita del fondo Atlante. La banca milanese ieri ha annunciato che l’eventuale inoptato verrà garantito dal fondo privatistico, nel quale si trova anche il sostegno pubblico attraverso la Cassa Depositi e Prestiti. 
Il Cda della Popolare di Vicenza ha individuato, d’intesa con i coordinatori dell’offerta, al fine di consentire la raccolta di manifestazioni d’interesse da parte degli istituzionali, ha individuato una forchetta di prezzo delle nuove azioni compresa tra un minimo non vincolante di 0,10 euro e un massimi di 3 euro. L’intervallo corrisponde a una valorizzazione del capitale economico della banca post aumento compresa tra un minimo di circa 1,51 miliardi di euro e un massimo di 1,8 miliardi. 
Nel corso delle attività di pre-marketing e di investor education effettuate presso investitori istituzionali di elevato standing nazionale ed internazionale sono emerse indicazioni di interesse non sufficienti a consentire la determinazione di uno specifico intervallo di valorizzazione indicativa secondo la normale prassi di mercato”, si legge nella nota della popolare vicentina.
Tra oggi e domani è atteso il via libera della Consob al prospetto dell’aumento di capitale e, successivamente, partirà il processo di vendita delle nuove azioni. A inizio maggio è infine previsto lo sbarco della Popolare di Vicenza a Piazza Affari