1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Risparmio ›› 

Più BTP e meno Bund nell’ETF Blackrock che calibra i pesi dei titoli di Stato in base ai rischi climatici dei Paesi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

BlackRock conferma la sua strategia volta a espandere la propria gamma di prodotti legati all’universo ESG. iShares, l’emittente di ETF leader al mondo che fa capo a BlackRock, ha lanciato un ETF sui titoli di stato sostenibili che offre agli investitori l’accesso ai titoli di stato della zona euro aggiustati per il rischio climatico.

Il nuovo strumento, l’iShares € Govt Bond Climate UCITS ETF, è stato quotato sullo Xetra e consente di investire nei titoli di Stato dell’Eurozona con una maggiore esposizione ai Paesi meno esposti ai rischi del cambiamento climatico e una minore esposizione ai paesi più esposti ai rischi del cambiamento climatico.

BlackRock sottolinea come i governi sono altamente esposti ai rischi energetici e climatici. “Gli Stati possiedono il 78% delle riserve di combustibile fossile mondiale e fino al 20% della spesa pubblica dei governi e delle entrate fiscali sono legate ai combustibili fossili – asserisce il colosso numero uno mondiale dell’asset management – Tuttavia, il rischio climatico è ora in prima linea nelle decisioni di investimento dei governi in quanto gli investitori stanno riconoscendo sempre più che una forte esposizione ai combustibili fossili potrebbe mettere a rischio gli asset dei loro clienti”.

Ecco come l’indice sottostante calibra pesi dei vari paesi

Il nuovo ETF iShares replica il FTSE Advanced Climate Risk-Adjusted EMU index (EGBI), un indice che pondera i diversi Paesi sulla base di una valutazione lungimirante del rischio climatico dei Paesi dell’Eurozona sulla base di tre criteri, tra cui rischio fisico, rischio di transizione e resilienza.

Il sottostante preso a riferimento  si differenzia dall’indice di riferimento – il FTSE Climate Risk-Adjusted European Monetary Union (EMU) Government Bond Index – per l’attribuzione di punteggi per il rischio fisico, il rischio di transizione e la resilienza in egual misura. I punteggi climatici sono calcolati sulla base di una metodologia trasparente e aggiornati su base annuale ogni maggio. Questo  nuovo indice è stato progettato con una maggiore attenzione alle performance climatiche dei portafogli di titoli di Stato.

L’indice FTSE Advanced Climate Risk-Adjusted EMU incorpora una metodologia di aggiustamento che regola i pesi di ciascun paese dell’indice in base all’esposizione relativa al rischio climatico, alla resilienza e alla preparazione ai rischi del cambiamento climatico, tra cui una valutazione dell’impatto economico previsto connesso alla transizione ai livelli di emissioni di gas serra in linea con i target dell’Accordo di Parigi per limitare il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C entro il 2050, oltre al rischio fisico del cambiamento climatico, come l’innalzamento del livello del mare e la capacità dei singoli Paesi di affrontare questi rischi.

Il nuovo indice, come si evince dal grafico sottostante, vede un consistente aumento del peso dei titoli di Stato francesi, che erano i più rappresentati anche nell’indice EMU ma con una quota molto minore. Secondi a breve distanza i Btp italiani, anche nel lorto caso con un peso decisamente superiore rispetto a quello nel benchmark classico. Scende in maniera consistente invece il peso di Bund tedeschi e Bonos spagnoli. Ancora di più quello dei titoli di Stato olandesi che quasi si azzera.

Brett Olson, Head of iShares fixed income EMEA, presso BlackRock, ha dichiarato: “Gli emittenti sovrani stanno affrontando una crescente pressione per soddisfare i criteri di sostenibilità, alla luce del numero sempre maggiore di investitori che adotta criteri ESG nei loro portafogli a reddito fisso. Fino ad oggi, gli investitori disponevano di limitate opzioni efficienti dal punto di vista dei costi per esposizione a titoli di Stato che incorporano il rischio climatico. Questo lancio è l’ennesima testimonianza del nostro impegno ad offrire agli investitori una maggiore scelta nella costruzione di portafogli sostenibili”.