1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari ruggisce fino a +14% dopo che Lane (Bce) corregge tiro su spread

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Prova di forza per Piazza Affari che cerca di scacciare dalla mente la peggiore seduta della storia, messa segno ieri (Ftse Mib a -17%). L’indice Ftse Mib sta volando fino a +14% a 17mila punti. Una rimonta che vede i bancari protagonisti: Banco BPM arriva a segnare +17%; balzi a doppia cifra anche per Bper (+15%), UBI (+15%), Intesa Sanpaolo (+11%). Unicredit segna +10,7%. Si allenta anche la pressione sullo spread Btp-Bund scende che ora viaggia poco sopra i 255 punti.
A rassicurare i mercati finanziari è sceso in campo il capo economista della Banca centrale europea (Bce), Philip Lane, stemperando la tensione alla stelle che si era creata dopo le parole del presidente Christine Lagarde che dichiarato che non è compito della Bce ridurre gli spread.

Lane corregge il tiro
“Siamo pronti a fare di più e ad adottare tutti i nostri strumenti, se necessario, per garantire che gli elevati spread che, vediamo in risposta all’accelerazione della diffusione del coronavirus, non mettano a rischio la trasmissione della nostra politica monetaria in tutti i Paesi della zona euro”. Così Philip Lane, capo economista della Banca centrale europea (Bce), in un blog sul sito dell’Eurotower. Lane è poi tornato sulla questione della riduzione dei tassi e non ha escluso un possibile taglio in futuro. “Il consiglio direttivo mantiene l’opzione di futuri tagli dei tassi, se giustificati da un inasprimento delle condizioni finanziarie o da una minaccia al target di inflazione a medio termine”, spiega Lane precisando tuttavia che anche che una riduzione del costo del denaro ieri non sarebbe stata altrettanto efficace, alla luce dell’attuale scenario.

Perchè i mercati hanno reagito male alle mosse (e non) della Bce
Ieri i mercati hanno reagito molto male al pacchetto di misure. “Ciò può essere in parte spiegato dal mancato taglio dei tassi o da un incremento del piano di acquisto titoli minore delle attese, certo. Ma ormai i mercati hanno compreso che le armi della politica monetaria sono “spuntate”, rendendo il coordinamento con la politica fiscale ancor più fondamentale”, commentano gli esperti di Prometeia aggiungendo che “il continuo appello di Christine Lagarde ai governi degli Stati membri ad attuare misure fiscali “immediate, ambiziose e coordinate” per sostenere l’economia dell’eurozona, al fine di rendere efficace la politica accomodante della banca centrale, ne è stato il plastico segnale. Che ha scatenato sul mercato uno dei sell-off più massicci di sempre”.
“Il presidente della Bce è riuscita con poche parole a cancellare anni di retorica pro-euro di Draghi. Uno scivolone non opportuno in questo momento”, ha dichiarato Giovanni Cuniberti, docente della scuola di Economia e Management di Torino (ex Facoltà di Economia) e responsabile consulenza fee-only di Gamma Capital Markets.