1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Per petrolio una settimana sprint da +9%, movimento dettato da due shock produttivi (di breve)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Prezzi del petrolio in calo oggi, ma la settimana si avvia comunque alla conclusione con un saldo ampiamente positivo del 9% circa. Oggi il futures sul WTI sono in ribasso dell’1,6% a 40,53 dollari al barile, mentre l’indice internazionale Brent cede l’1,34% a 42,77 dollari al barile. Entrambi avevano raggiunto i livelli più alti in oltre due settimane nella notte.

Il saldo settimanale è ampiamente positivo per due motivi principalmente. Il primo è il rischio che le forniture dalla Norvegia possano essere ridotte fino al 25% a causa di uno sciopero dei lavoratori petroliferi.

IL secondo motivo è sempre legato a shock produttivi nel Golfo del Messico a causa del’uragano Delta che adesso si sta avvicinando alla costa della Louisiana. Delta ha già causato la chiusura precauzionale di circa il 92% della produzione nel Golfo del Messico, quasi 2 milioni di barili al giorno.