1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Petrolio debole in avvio, si smorza ottimismo in vista del meeting di Doha

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Segno meno per il petrolio. Il futures sul Wti con scadenza maggio 2016 segna un ribasso dell’1,7% a quota 41,02 dollari al barile dando seguito al calo della vigilia dopo il violento rally dei giorni precedenti dettato dalle positive attese per il meeting di Doha in programma il 17 aprile. Attese in parte smorzate nelle ultime 24 ore con il ministro del petrolio russo, Alexander Novak, che ha detto che un eventuale accordo su un congelamento dell’output sarà con pochi impegni dettagliati.
Intanto ieri l’Opec ha tagliato le stime sulla domanda globale di petrolio in scia all’indebolimento nella crescita dell’economia dei paesi emergenti. L’organizzazione che raggruppa i principali paesi produttori di petrolio ha ridotto di 50.000 barili al giorno le sue stime sulla domanda di greggio per il 2016 e la debolezza nell’economia del Brasile, la rimozione dei sussidi per il carburante in Medio Oriente e le temperature invernali più miti nell’emisfero settentrionale sono tre fattori che potrebbero portare a ulteriori tagli delle stime sulla domanda.