1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Netflix da comprare anche per il 2021? Scende entusiasmo sul titolo, ma Jim Cramer lo mette tra i suoi ‘magnifici 7’

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Netflix è indubbiamente tra i grandi vincitori in questo 2020 stravolto dalla pandemia che ha indotto milioni di persone a disertare i cinema anche una volta finiti i lockdown. Il gigante dello streaming sta per archiviare un anno da record con le azioni in aumento di quasi il 70% A luglio, Netflix ha previsto di aggiungere 2,5 milioni e mezzo di nuovi clienti tra luglio e settembre, basandosi sull’aspettativa che la sua forte performance del primo semestre – in cui ha aggiunto quasi 26 milioni di abbonati – avrebbe probabilmente fatto avanzare la domanda a partire dalla seconda metà dell’anno.
La società guidata da Reed Hastings ha indubbiamente beneficiato della pandemia, con i consumatori che trascorrono più tempo a casa. “Nessuno va al cinema in tutto il mondo, il che significa che la tesi del toro di Netflix deve essere vera indipendentemente da ciò che la società dirà oggi”, ha detto ieri Jim Cramer, conduttore di Mad Money della CNBC. “Se l’azione scende dopo i conti, la storia dice di comprarlo comunque, indipendentemente dai risultati”, asserisce il noto conduttore tv ed ex proprietario dell’hedge fund Cramer & Co. Cramer ha inserito il titolo Netflix tra i magnifici sette che secondo lui continueranno a fare proseliti a Wall Street finché Covid-19 non sarà messo al tappeto. “Fino a quando non voltiamo l’angolo sulla pandemia, i guadagni stessi sono semplicemente un’astrazione per questi titoli e qualsiasi delusione è semplicemente un motivo in più per comprarli”, asserisce Cramer che nella sua lista mette altri grandi vincitori in questo 2020 quali Tesla, Zoom, PayPal e Peloton. 

Preview Netflix, riflettori su crescita abbonati e previsioni 2021

E ora gli investitori sono ansiosi di sapere se Netflix potrà portare questo slancio anche nel prossimo anno. Oggi la società alzerà il velo sui conti trimestrali e Wall Street terrà d’occhio la crescita degli abbonati (come sempre accade con Netflix). Tuttavia, molta attenzione si concentrerà su ciò che l’azienda ha da dire sul prossimo trimestre e l’anno prossimo, secondo Bernie McTernan, analista senior della Rosenblatt Securities. La previsione di 2,5 milioni di abbonati di Netflix nel terzo trimestre è un “numero prudente” che l’azienda dovrebbe superare, secondo McTernan. Tuttavia, potrebbe essere un indicatore sul fatto che il prossimo anno potrebbe essere molto più magro rispetto al 2020. “Pensiamo che nel 2021 la crescita degli abbonati rallenterà sostanzialmente”, ha detto alla CNN Business. “Pensiamo che le prospettive per il ’21 per Netflix saranno più impegnative “. McTernan si è detto poi curioso di sapere se l’azienda aumenterà i prezzi il prossimo anno – una mossa che potrebbe portare i clienti a cancellarsi dall’abbonamento. “Abbiamo fatto un sondaggio video in streaming, e un numero considerevole di intervistati ha indicato che cancellerà Netflix o ridurrà il numero di mesi di abbonamento in caso di aumento dei prezzi anche di uno o due dollari”, ha detto. Un’altra preoccupazione per Netflix potrebbe essere l’aumento della concorrenza l’anno prossimo.
Se nel 2020, Netflix è stato il re del mondo dello streaming con i nuovi concorrenti come Disney+ ancora agli albori, le cose potrebbero cambiare nel 2021. Elemento chiave per Netflix che ne decreterà comunque il successo è il fatto che lo streaming sarà ancora sulla cresta dell’onda, il che mette Netflix in una posizione eccellente, considerando che ha un enorme vantaggio sui suoi rivali ed è diventato sinonimo di streaming stesso.
“Il 2020 sarà uno degli anni più strani e difficili per molte aziende, ma non per Netflix: per il gigante dello streaming, il 2020 ha segnato il momento del boom” afferma Adam Vettese, analista della piattaforma di investimento multi-asset eToro. “Solo nella prima metà dell’anno, Netflix ha aggiunto 26 milioni di abbonati a quelli già esistenti, arrivando complessivamente a quasi 193 milioni. Tuttavia, come Netflix ha avvisato a luglio, la crescita degli abbonati probabilmente rallenterà ora che la maggior parte dei paesi è fuori dal lockdown. Ciò significa che probabilmente l’azienda supererà la soglia dei 200 milioni nel prossimo trimestre, o forse all’inizio del prossimo anno. I dati della nostra piattaforma, che conta di 15 milioni di utenti, mostrano che il titolo è diventato meno popolare tra gli investitori. Prima che Netflix avvertisse la crescita degli abbonati a luglio, era costantemente uno dei primi 10 titoli più popolari. Tuttavia, è scivolato fuori dalla top 10 ad agosto e da allora non è più tornato. In un certo senso, la rapida crescita di Netflix nella prima metà dell’anno è un ostacolo, perché l’asticella è stata alzata e quindi sarà più facile deludere gli investitori. Al fine di mantenere i ricavi allo stesso livello, non sarebbe affatto sorprendente se vedessimo aumentare i prezzi ad un certo punto nel prossimo futuro”.