1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Juncker sfida Trump: “Rafforziamo il ruolo internazionale dell’euro contro il dollaro”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’euro come valuta di riserva globale che potrebbe rivaleggiare con il dollaro e aiutare l’Unione europea nello sforzo di  ridurre la sua dipendenza finanziaria dagli Stati Uniti. A dirlo il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker parlando oggi nel suo ultimo discorso sullo stato dell’Unione a Strasburgo davanti al Parlamento.

Euro seconda valuta mondiale

Dobbiamo rafforzare l’euro, approfondire l’unione monetaria e costruire mercati dei capitali liberi e profondi” – ha detto Juncker continuando – “la moneta unica ha alle sue spalle un percorso ricco, è diventata la seconda valuta mondiale, la seconda più utilizzata dopo il dollaro ma dobbiamo fare di più, possiamo e dobbiamo spingerci oltre”. Dopo aver ricordato che l’euro, usato oggi come seconda moneta mondiale e come moneta di scambio da 60 Paesi, il presidente giudica aberrante che l’UE abbia pagato più dell’80% delle sue importazioni di energia in dollari USA, nonostante solo il 2% delle importazioni proviene dagli Stati Uniti. La maggior parte delle importazioni denominate in dollari provengono dalla Russia e dagli Stati del Golfo.

“Dovremo cambiare questa situazione. L’euro deve diventare lo strumento attivo di una nuova Europa sovrana”, invitando inoltre gli Stati membri a porre fine alle divisioni che impediscono all’UE di esercitare il suo peso collettivo sulla scena internazionale. “È tempo di porre fine allo stato di triste spettacolo di un’Europa divisa”, ha dichiarato Juncker. “Il nostro continente merita di meglio”.

La proposta della Commissione Ue

“La Commissione presenterà una proposta di non usare più il dollaro nelle transazioni globali, sostituendolo con l’euro per permettergli di giocare pienamente il suo ruolo sulla scena internazionale entro la fine dell’anno”, ha detto Juncker. Scrive il Financial Times che tra le iniziative della Commissione si segnala l’incoraggiamento della Banca centrale europea a promuovere l’uso della moneta unica. Potrebbe essere difficile però promuovere l’euro in un’economia globale dominata dal dollaro. La BCE ha sostenuto più di essere “neutrale” sul ruolo internazionale della moneta unica come moneta di riserva, ma i diplomatici europei hanno detto che il record di riserve valutarie in euro della Banca d’Inghilterra sono un segno della crescente fiducia degli investitori globali nella moneta unica.  La spinta di Juncker sull’euro fa parte di uno sforzo più ampio per far sì che i governi dell’UE affrontino la comunità internazionale come un blocco unico.