1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Istat: consumi -10% se si riaprisse a giugno, duro colpo soprattutto per alloggio e ristorazione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’Istat prova a stimare gli effetti delle misure di contenimento sui consumi, proponendo due scenari, il primo in cui la chiusura delle attività riguarderebbe solo i mesi di marzo e aprile; l’altro in cui la chiusura si estenderebbe fino a giugno. Nel primo caso la riduzione dei consumi sarebbe pari al 4,1% su base annua mentre nel secondo al 9,9%. La riduzione dei consumi determinerebbe una contrazione del valore aggiunto dell’1,9% nel primo scenario e del 4,5% nel secondo.

Con la chiusura fino a fine aprile, i comparti dell’alloggio e ristorazione (-11,3%) e del commercio, trasporti e logistica (-2,7%) subirebbero le contrazioni più forti. Anche nel secondo caso, con chiusura fino a giugno, le contrazioni più marcate del valore aggiunto si riferirebbero alle attività di alloggio e ristorazione (-23,9%) e commercio, trasporti e logistica (-6,9%).