1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Ftse Mib tenta il rimbalzo da un livello importante. Oro alle prese con una resistenza dinamica

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nella prima seduta dell’ottava le principali Borse europee scambiamo  in territorio positivo, con gli investitori che non perdono di vista gli sviluppi della pandemia e guardano al piano di stimoli negli Stati Uniti. Anche i future americani sono positivi, in previsione di quella che sarà la settimana più intensa per Wall Street, sul fronte degli utili. Intanto parte ufficialmente oggi la nuova edizione del World Economic Forum di Davos che si concluderà il 29 gennaio. Da monitorare in giornata anche i diversi interventi della Bce, tra cui quello della presidente Christine Lagarde, e quello del capoeconomista della Bce Philip Lane.

Ftse Mib cerca il rimbalzo su 21.920 punti


La settimana si è chiusa con il Ftse Mib che è andato a testare il supporto a 21.920 punti, rimanendo sotto area 22.300/22.400 punti, che rappresenta uno spartiacque importante. Da notare RSI che con la divergenza evidenziata negli scorsi mesi ha portato qualche presa di beneficio sull’indice italiano. Ora l’indicatore si trova sul supporto in area 47 punti che combacia con il suddetto supporto di 21.920 punti. In tale contesto, la rottura di tale livello e del supporto su RSI con convinzione (volumi e volatilità) potrebbe riportare i corsi verso 21.155 punti che coincide con il 61,8% di Fibonacci (di tutto il down trend avviato a fine febbraio 2020). Solo il break di questo livello darebbe un forte segnale di cambio di sentiment sull’indice. Al rialzo, invece, per avere un primo segnale positivo bisognerà attendere il superamento di 22.334 punti per poi tornare verso 23.000 punti. Anche se la resistenza più importante è quella collocata a 23.265 punti.
Per chi volesse operare Long a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End Long UniCredit ISIN DE000HV4HFD5 con leva 6 volte e strike a 20086,319815 punti, oppure ISIN DE000HV4JHB1 con leva 9 volte e strike 21469,295295 punti.
Per chi volesse operare Short a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End Short UniCredit ISIN DE000HV47868 con leva 9 volte e strike a 24226,370375 punti.

Oro al test della trend line ribassista


L’oro, che sta attraversando un periodo di elevata volatilità, si trova nei pressi della media mobile 200 periodi. Si è delineata una resistenza molto importante a 1.960 dollari che per due volte ha generato prese di profitto sull’oro e con forte volatilità. Questo è quindi il livello da superare per allunghi verso 2.000 dollari, un’altre resistenza chiave. La conferma della risalita del metallo prezioso ci sarà al break convinto della trend linea ribassista di medio periodo, costruita sui massimi di agosto e novembre dello scorso anno, e del livello statico a 1.863 dollari. In tal caso target a 1.900 e 1.960 dollari. Al ribasso, invece, il supporto importante si colloca a 1.800 dollari che, in caso di rottura, potrebbe innescare discese verso area 1.750 dollari.
Per chi volesse operare Long a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End Long UniCredit ISIN DE000HV47Z36 con leva 6 volte e strike a 1509,495565 USD, oppure ISIN DE000HV4J1E2 con leva 14 volte e strike 1702,181204 USD.
Per chi volesse operare Short a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End Short UniCredit ISIN DE000HV4HDS8 con leva 13 volte e strike a 2019,992621 USD.

DI SEGUITO LE ANALISI DI TRADING FLOOR