1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Forex, euro più lontano da parità dollaro. Bce più aggressiva: il rialzo tassi prezzato dai mercati

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il rapporto euro-dollaro continua ad allontanarsi dalla parità, salendo oltre a quota $1,05 nei confronti del biglietto verde. I buy sul dollaro si sono arrestati da qualche giorno (a parte la parentesi positiva della vigilia), di pari passo con i timori rinfocolati su una recessione negli Stati Uniti.

In questi giorni si sono messi inoltre in evidenza le dichiarazioni hawkish della Bce di Christine Lagarde. E' stato in particolare Klaas Knot, il governatore della banca centrale olandese ed esponente del Consiglio direttivo della banca centrale, a dare una spinta rialzista alla moneta unica, vittima dall'inizio della guerra in Ucraina delle preoccupazioni sulle conseguenze del conflitto sull'economia dell'Europa, particolarmente esposta alla Russia.

Knot ha rimarcato la possibilità di un rialzo dei tassi di 50 pb a luglio: è la prima volta che un esponente della Bce ha ipotizzato un cambiamento così aggressivo.

L'euro nei giorni scorsi aveva aggiornato i minimi a 20 anni contro il biglietto verde.

I mercati monetari scontano una Bce ancora più aggressiva, pronta ormai ad alzare i tassi: il rialzo preazzato è di 105 punti base, rispetto ai 95 bps della sessione di martedì, prima che Knot parlasse della possibilità di una stretta di 50 punti base nella riunione della Bce di luglio.

Nelle ultime ore il Dollar index è sceso dello 0,3% a 103,5 dopo essere salito dello 0,55% alla vigilia, quando ha interrotto le tre precedenti sessioni consecutive in rosso.

L'euro sale dello 0,50% attorno a $1,0517.