1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Criptovalute ›› 

Coinbase pronta al Dogecoin-Day: tra qualche ora trading cripto meme sulla sua piattaforma professionale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Coinbase ha annunciato di aver aperto la propria piattaforma di trading professionale alla valuta parodia Dogecoin. Immediata la reazione della criptovaluta, che sta volando di oltre il 32%, a 44 centesimi di dollaro.
Tra qualche ora sarà possibile fare trading sul Dogecoin sulla piattaforma professionale di CoinbaseL’annuncio è arrivato direttamente da Coinbase Pro che, in post sul suo blog, ha comunicato che gli utenti potranno trasferire il Doge nei loro account di trading professionale, in attesa del lancio effettivo delle contrattazioni della cripto valuta sulla piattaforma, previsto per la giornata di domani, giovedì 3 giugno, “se le condizioni di liquidità verranno soddisfatte“.

Coinbase: ben presto ok trading Dogecoin anche ai retail?

Il post non ha specificato se Coinbase aggiungerà il Dogecoin alla sua piattaforma di trading dedicata agli investitori retail. Tuttavia, un articolo pubblicato sul sito Coindesk ha ricordato come, di norma, la piattaforma di trading per le criptovalute sbarcata di recente sul Nasdaq, aggiunga le monete digitali approdate sulla sua versione professionale anche alla piattaforma dedicata ai piccoli investitori, qualche settimana dopo.
“A partire da subito, inizieremo ad accettare i trasferimenti in entrata del DOGE alla Coinbase Pro. Trading, alle o dopo le 9 ora Pacific Time (PT), giovedì, 3 giugno, se le condizioni di liquidità saranno soddisfatte”, recita il post che è stato pubblicato nella giornata di ieri.
L’annuncio non è una vera e propria sorpresa per i fan del cripto-universo; nel corso della call indetta per commentare i risultati di bilancio di Coinbase, il ceo Brian Armstrong aveva infatti annunciato che la piattaforma avrebbe accolto anche il dogecoin.
L’annuncio ha fatto salire i prezzi della cripto-meme che, nelle ultime settimane, sono stati sostenuti in più di un’occasione dai tweet in alcuni casi febbrili di Elon Musk, il numero uno di Tesla.
Il dogecoin è balzato di quasi +6.000% da inizio anno, crollando tuttavia di oltre il 50% dal record assoluto testato a maggio quando, in prossimità del record storico testato a 69 centesimi, oscillava a un valore in rally del 12.000% rispetto all’inizio del 2021.
Coinbase realizza la maggior parte dei guadagni con il trading e il deposito del Bitcoin e dell’Ethereum. Il Bitcoin è scambiato oggi poco al di sopra di quota $37.000, mentre l’Ethereum è in rialzo a oltre $2.670.
Da segnalare che i guadagni di Coinbase sono strettamente collegati al trend delle monete digitali scambiate nella sua piattaforma: la società percepisce lo 0,5% del valore di ogni transazione che utilizza il suo sistema. Se qualcuno, per fare un esempio, acquista Bitcoin per un valore di 100 dollari, Coinbase guadagna 50 centesimi. Se poi i prezzi del Bitcoin o dell’Ethereum scendono, scendono anche le commissioni che Coinbase guadagna: il che significa che la società è esposta all’aumento e al calo dei valori del cripto-universo.
Tornando alla decisione di Coinbase di consentire il trading della cripto-meme, c’è da dire che alcune piattaforme si sono già fatte avanti: è il caso di eToro, che ha fatto l’annuncio all’inizio di maggio, e dell’APP di trading Robinhood.
Il dogecoin è la ‘valuta’ nata inizialmente come una parodia di Doge, termine slang che storpia la parola ‘dog’, cane in inglese, inizialmente associata al cane da caccia giapponese Shiba Inu (soprannominato ‘Shibe’) . Sul balzo di Dodgecoin ci ha messo lo zampino Elon Musk, fondatore di Tesla, manifestando più volte il suo entusiasmo per la cripto meme.