1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

CNH arretra sul Ftse Mib dopo parole Giorgetti su golden power per Iveco. Verso summit Draghi-Elkann

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giornata cauta a Piazza Affari per il titolo CNH che segna -0,76% a 13,12 euro. CNH risulta tra i migliori titoli di Piazza Affari in questa prima parte di 2021 con un saldo Ytd di +27%.

A scaldare il titolo nelle ultime settimane è stata la questione Iveco. Oggi pesano le parole pronunciate da Giancarlo Giorgetti. Il ministro dello Sviluppo economico, intervenuto stamattina nel corso di un’audizione alla Camera, ha affermato che “c’è una preoccupazione, non c’e’ nessuna notifica formale al Governo per quanto riguarda le operazioni di tipo societario e l’utilizzo del Golden power risponde a determinate leggi dello Stato, quindi bisogna vedere anche la fattispecie giuridica: verificare fino a che punto Iveco è ancora una società di diritto italiano”. “Sono in gioco interessi che noi giudichiamo strategici – ha aggiunto Giorgetti – che giustificano una valutazione, sia essa positiva o negativa, per quanto riguarda il Golden Power”. Intanto, stando a quanto riporta oggi Il Giornale, a breve sarebbe in programma un vertice tra John Elkann, presidente di Exor (che controlla CNH) e il premier Draghi a proposito della potenziale cessione di Iveco ai cinesi di FAW. Nell’incontro verrebbero fornite rassicurazioni sulle intenzioni del gruppo cinese per quanto riguarda il mantenimento del polo produttivo italiano, dei livelli occupazionali e dell’avvio di un piano di investimenti. Inoltre, la divisione Powertrain potrebbe rimanere all’interno di CNH con un accordo per la fornitura a FAW-Iveco di motori per almeno 5 anni. Recentemente fonti di stampa avevano riportato che il deal avrebbe incluso anche una quota di maggioranza di questa divisione.