1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

BCE: calo occupazione maggiore per i dipendenti temporanei, giovani e lavoratori poco istruiti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel secondo trimestre del 2020 il totale delle ore lavorate è diminuito in tutti i principali settori nell’area dell’euro. Il calo – – dice la Bce nel suo Bollettino econmico – ha entità diverse a seconda dei settori, in parte per effetto della rigidità delle misure di lockdown che hanno interessato ciascun comparto.
Il calo dell’occupazione è stato maggiore per i dipendenti temporanei, i giovani e i lavoratori con bassi livelli di istruzione. Il lavoro a distanza è in grado di attenuare i costi economici delle misure che impongono la permanenza a casa e il distanziamento sociale. La crisi legata al COVID-19 e le relative politiche adottate hanno determinato un più diffuso ricorso al telelavoro. In Europa oltre un terzo dei lavoratori ha iniziato a lavorare da remoto in conseguenza della pandemia. Ciò, si legge nel bollettino, ha probabilmente sostenuto l’occupazione e le ore lavorate in alcuni settori e per alcune categorie di lavoratori, in particolare per quelli con un elevato livello di istruzione. È probabile che la crisi porti a un incremento delle esigenze di riallocazione del lavoro e si prevede che esse saranno tanto maggiori quanto più lunga sarà la crisi.