1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Bce affila il bazooka, acquisti più intensi nei prossimi mesi. Btp volano e spread tocca minimi da 2015

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Bce non tocca tassi e piano pandemico. Gli acquisti del programma di acquisto per l’emergenza pandemica (pandemic emergency purchase programme, PEPP) andranno avanti almeno fino a marzo 2022 con un ritmo più intenso nei prossimi mesi. Indicazioni che hanno subito spinto forti acquisti sui BTP con lo spread sceso repentinamente in area 90 pb (prima dell’annuncio viaggiava sopra quota 100), nei pressi dei minimi a oltre 5 anni toccati un mese fa. Il tasso del Btp a 10 anni è sceso fino a 0,57% (nelle scorse settimane con i timori inflattivi si era spinto fino a 0,79%).
L’attenzione ora è rivolta al tono che verrà utilizzato da Christine Lagarde, presidente della Bce, nella conferenza stampa in programma alle 14:30. La numero uno Bce sarà chiamata a chiarire la sua posizione di fronte ad un eventuale ulteriore rialzo dei rendimenti obbligazionari. Attese anche per le nuove stime economiche. Secondo un’indiscrezione Bloomberg, la BCE dovrebbe rivedere al rialzo le stime sull’inflazione del 2021-2022 (lasciando invariate quelle del 2023) e contestualmente rivedere al ribasso quelle sulla crescita 2021 e al rialzo 2022.

Acquisti Pepp più intensi nel prossimo trimestre 

Il Consiglio direttivo continuerà a condurre gli acquisti netti di attività nell’ambito del Programma PEPP, con una dotazione finanziaria totale di 1.850 miliardi di euro, almeno sino alla fine di marzo 2022 e, in ogni caso, finché non riterrà conclusa la fase critica legata al coronavirus. Sulla base di una valutazione congiunta delle condizioni di finanziamento e delle prospettive di inflazione, il Consiglio direttivo si attende che nel prossimo trimestre gli acquisti nell’ambito del PEPP siano condotti a un ritmo significativamente più elevato rispetto ai primi mesi di quest’anno.
Il Consiglio direttivo condurrà gli acquisti in maniera flessibile in base alle condizioni di mercato, allo scopo di evitare un inasprimento delle condizioni di finanziamento incompatibile con il contrasto dell’effetto al ribasso della pandemia sul profilo previsto per l’inflazione. In aggiunta, la flessibilità degli acquisti nel tempo, fra le varie classi di attività e i vari paesi continuerà a sostenere l’ordinata trasmissione della politica monetaria. Se le condizioni di finanziamento favorevoli possono essere mantenute mediante flussi di acquisti di attività che non esauriscano la dotazione nell’orizzonte degli acquisti netti del PEPP, non sarà necessario utilizzare appieno la dotazione. Allo stesso modo, la dotazione può essere ricalibrata, se richiesto, per preservare condizioni di finanziamento favorevoli che contribuiscano a contrastare lo shock negativo della pandemia sul profilo dell’inflazione.
Il Consiglio direttivo continuerà a reinvestire il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del PEPP almeno sino alla fine del 2023. In ogni caso, la futura riduzione del portafoglio del PEPP sarà gestita in modo da evitare interferenze con l’adeguato orientamento di politica monetaria.
Gli acquisti netti nell’ambito del Programma di acquisto di attività (PAA) proseguiranno a un ritmo mensile di 20 miliardi di euro. Il Consiglio direttivo continua ad attendersi che gli acquisti netti mensili di attività nel quadro del PAA proseguiranno finché necessario a rafforzare l’impatto di accomodamento dei suoi tassi di riferimento e che termineranno poco prima che inizierà a innalzare i tassi di riferimento della BCE.
Il Consiglio direttivo intende inoltre continuare a reinvestire, integralmente, il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del PAA per un prolungato periodo di tempo successivamente alla data in cui inizierà a innalzare i tassi di interesse di riferimento della BCE, e in ogni caso finché sarà necessario per mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario.

Tassi fermi come da attese

In terzo luogo, i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,50%. Il Consiglio direttivo si attende che i tassi di interesse di riferimento della BCE si mantengano su livelli pari o inferiori a quelli attuali finché non vedrà le prospettive di inflazione convergere saldamente su un livello sufficientemente prossimo ma inferiore al 2% nel suo orizzonte di proiezione e tale convergenza non si rifletterà in maniera coerente nelle dinamiche dell’inflazione di fondo.
Infine, il Consiglio direttivo continuerà a fornire abbondante liquidità attraverso le sue operazioni di rifinanziamento. In particolare, la terza serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (OMRLT-III) resta per le banche una fonte di finanziamento interessante, a sostegno del credito bancario alle imprese e alle famiglie.
Il Consiglio direttivo è pronto ad adeguare tutti i suoi strumenti, ove opportuno, per assicurare che l’inflazione si avvicini stabilmente al livello perseguito, in linea con il suo impegno alla simmetria.