1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Si tira la cinghia in Italia: si riduce il reddito delle famiglie e scendono i consumi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Si tira la cinghia in Italia. Le famiglie hanno visto diminuire il loro reddito del 2,6% nel 2009. Una indicazione che porta a una flessione del 2,5% del loro potere d’acquisto. Un forte contenimento nei consumi sia in termini nominali (-1,9%) sia in termini di quantità (-1,8% dopo la riduzione di 0,8% dell’anno precedente) è stato il risultato del calo del reddito. E’ questa la fotografia, che lascia senza scampo, scattata dall’Istat. Le famiglie del Belpaese non sono state in grado di mantenere invariata la loro capacità di risparmio, che si è assottigliata dello 0,7% scendendo all’11,1%. Si tratta del valore più basso dall’inizio degli anni Novanta.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’ottava si chiude con gli indicatori di fiducia di imprese e consumatori in Italia, oltre che con i dati statunitensi su ordini di beni durevoli, crescita economica e sentiment dei consumatori. Nel dettaglio l’agenda macro:
10:00 medio ITA Fiducia…

MACRO

Regno Unito: Pil 1Q rivisto leggermente al ribasso, sotto le attese

La crescita dell’economia britannica nel primo trimestre 2017 è stata vista lievemente al ribasso nella seconda lettura pubblicata oggi.

La crescita del Pil Uk è stata rivista allo 0,2% su base trimestrale rispetto allo 0,3% della prima lettura. …

MACROECONOMIA

Italia: fatturato in leggero rialzo a marzo, ordinativi in calo

A marzo, nell’industria italiana, si rileva un incremento del fatturato dello 0,5% rispetto al mese precedente, che consolida il più ampio aumento di febbraio. Nel complesso del primo trimestre la crescita, rispetto ai tre mesi precedenti, è dello 0,…

MACROECONOMIA

Spagna: Pil I trimestre confermato a +0,8% t/t e +3% a/a

Il Prodotto interno lordo (Pil) della Spagna ha segnato nel primo trimestre dell’anno un aumento dello 0,8% rispetto al periodo precedente e del 3% su base annua, confermando la stima preliminare e le attese del mercato….