Piazza Affari chiude in rialzo. Lottomatica maglia nera, misto il comparto bancario -2

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 18/05/2011 - 18:06
Lottomatica scivola sul fondo del paniere principale di Piazza Affari, mostrando una flessione del 3,99 punti percentuali a 14,45 euro, in scia alla corsa per le nuove licenze del poker online. Tra le società interessate per queste nuove licenze spiccano per capacità distributiva e risorse Poste Italiane, Mondadori e probabilmente operatori di telefonia mobile. "Con l'ingresso di nuovi importanti operatori vediamo il rischio che il mercato rimanga fortemente competitivo", osservano gli analisti di Equita nella nota odierna raccolta da Finanza.com.
Enel tema caldo a Piazza Affari. Il Consiglio di Stato ha annunciato ieri di aver annullato il decreto che approvava la riconversione a carbone della centrale di Porto Tolle, vicino a Rovigo. Il progetto del colosso guidato da Fulvio Conti, del valore di circa 2,5 miliardi di euro, prevede la realizzazione di tre sezioni alimentate a carbone e parzialmente a biomasse, per una potenza elettrica complessiva pari a 1,980 MW. "La riconversione di Porto Tolle è un progetto da sempre contrastato per il quale, considerata la situazione di overcapacity del Paese, ci si è sempre interrogati sull'effettiva utilità-rendimento - spiega Equita nella nota odierna -, al punto da non essere nella nostra valutazione. Quindi la decisione non ha nessun impatto valutativo su Enel". A Piazza Affari il titolo del colosso elettrico ha chiuso in rialzo dello 0,99 punti a 4,698 euro. Generali termina la seduta invariata a 15,75 euro, nel giorno in cui Vtb, il terzo istituto bancario russo, conferma l'interesse per entrare nel Leone di Trieste. Il Ceo di Vtb, Andrey Kostin, in un'intervista ha ribadito di puntare ad una quota significativa nella compagnia assicurativa e vede probabilità superiori al 50% che la joint venture assicurativa multicanale in Russia con Generali possa prendere luce.
COMMENTA LA NOTIZIA