Nuova Zelanda: banca centrale lascia tassi al 3,5%, kiwi ancora a livelli troppo elevati

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Reserve Bank della Nuova Zelanda (Rbnz) questa notte ha mantenuto il tasso di riferimento al 3,5 per cento facendo intendere che il livello del costo del denaro rimarrà stabile abbastanza a lungo alla luce del rallentamento dell’inflazione. Rispetto al precedente statement non c’è più alcun riferimento a futuri rialzi dei tassi per contenere l’inflazione. Il governatore della Rbnz, Graeme Wheeler, ha inoltre riaffermato che il dollaro neozelandese rimane ancora a “livelli ingiustificatamente elevati” e agisce da freno alla crescita. La Rbnz si aspetta quindi un ulteriore deprezzamento del cambio. Wheeler ha comunque sottolineato come la recente discesa dei prezzi delle materie prime e una maggiore volatilità dei mercati finanziari globali hanno allentato un po’ la pressione sul dollaro della Nuova Zelanda.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: crescita economica ai minimi da tre anni nel Q1

Nel primo trimestre la crescita statunitense si è attestata allo 0,7%, in calo rispetto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016. Si tratta del dato minore degli ultimi tre anni. Gli analisti avevano stimato un +1,3%.

MACRO

Istat: industria, a marzo prezzi alla produzione a +3,1% a/a

L’Istat comunica che a marzo l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta del 3,1% nei confronti di marzo 2016. I prezzi alla produzione dell’industria, sul mercato interno, diminuiscono de…

Inflazione: Istat, ad aprile accelerazione a +1,8% annuo

Ad aprile, stando alla stima preliminare diffusa dall’Istat, l’inflazione in Italia aumenta dello 0,3% su base mensile e dell’1,8% annuo. La variazione tendenziale evidenzia un’accelerazione rispetto al +1,4% di marzo, derivante soprattutto dalla cr…