1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Italia: Confindustria stima +0,3% della produzione industriale a gennaio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il Centro Studi di Confindustria (CSC) stima un aumento della produzione industriale dello 0,3% in gennaio su dicembre. Oggi l’Istat ha reso noto che a dicembre 2013 c’è stato un calo dello 0,9% su novembre. Il primo trimestre del 2014 parte con un abbrivio negativo – rimarca l’indagine rapida del CSC sulla produzione industriale – in gennaio la variazione congiunturale acquisita è di -0,1% (nel quarto trimestre si è avuto un incremento dello 0,7% sul precedente). Tuttavia, gli indicatori qualitativi anticipatori segnalano il proseguire di una tendenza positiva (seppur debole) della produzione”. “Infatti – prosegue la nota del CSC – la componente ordini del PMI manifatturiero, in area di espansione da sette mesi, indica in gennaio un significativo incremento (il secondo più ampio in quasi tre anni), pur se in rallentamento rispetto al picco di dicembre (53,9 da 54,3); quella relativa agli ordini esteri mostra un forte progresso della domanda (indice a 55,6 da 57,1), grazie alle maggiori commesse provenienti soprattutto dagli USA”. Rispetto al picco pre-crisi (aprile 2008) il livello di attività rimane inferiore del 24,4%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: tonfo per l’indice Richmond Fed a maggio

L’indice Richmond Fed, che misura l’attività manifatturiera del distretto di Richmond, nel mese di maggio si è attestato a 1 punto, contro i 20 del mese precedente. Gli analisti avevano stimato 15 punti.

MACRO

Stati Uniti: vendite case nuove sotto le stime ad aprile

Ad aprile l’indice statunitense che misura le vendite di case nuove è passato da 642 a 569 mila unità. Il dato a marzo aveva fatto segnare il livello maggiore degli ultimi 10 anni. Gli analisti avevano stimato 611 mila.

MACRO

Stati Uniti: PMI servizi sopra le stime a maggio

Meglio del previsto l’indicatore statunitense che misura il sentiment dei direttori degli acquisti (PMI) del comparto servizi, salito a maggio, in versione preliminare, da 53,1 a 54 punti. Gli analisti avevano stimato 53,3 punti.