1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Intesa SanPaolo: piano per tagliare fino a un terzo delle filiali (Ft)

QUOTAZIONI Intesa SanpaoloUnicreditUbi Banca

Crescere, ma anche tagliare. Secondo le indiscrezioni che sono state rese note oggi dal Financial Times, la nuova strategia dell’istituto guidato da Carlo Messina…

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Crescere, ma anche tagliare. Secondo le indiscrezioni che sono state rese note oggi dal Financial Times, la nuova strategia di Intesa SanPaolo avrebbe come obiettivo anche la chiusura di filiali.

Fonti sentite dal quotidiano britannico fanno riferimento a un piano per ridurre fino a un terzo della sua rete di 3.000 filiali, nell’ambito di un piano volto a tagliare i costi di “centinaia di milioni di euro”.

La presentazione della nuova strategia avverrà all’inizio del 2018, contestualmente alla pubblicazione dei risultati di bilancio annuali.

Nessun commento è stato rilasciato al momento dalla banca italiana.

Le indiscrezioni parlano di “piani aggressivi”, volti ad aumentare la quota di mercato delle attività di Intesa SanPaolo del ramo assicurativo e a crescere nel settore del risparmio gestito.

Tali obiettivi erano stati indicati dallo stesso amministratore delegato Carlo Messina in due interviste rilasciate ai quotidiani Les Echos e Borsen-Zeitung..

Così, stando a quanto riportato da Bloomberg, ha commentato le prossime mosse di Intesa SanPaolo Wolfram Mrowetz, amministratore delegato del broker italiano Alisei SIM.

“Intesa vuole aumentare in modo significativo i propri risultati, agendo sia sul fronte dei costi che su quello del fatturato, e riducendo allo stesso tempo i rischi“.

In una sessione caratterizzata dai sell a Piazza Affari nonostante le rassicurazioni del numero uno della Bce Mario Draghi, Intesa SanPaolo perde terreno.

L’indice Ftse Mib sconta i  timori legati al rischio di elezioni politiche anticipate e cede -2% circa attorno alla soglia di 20.800 punti. (bucate al ribasso oggi le soglie di 20.900 e 21.000 punti).

Intesa SanPaolo perde il 2,59%, a 2,554 euro, facendo meglio di altri titoli bancari, come UniCredit -4,22% e Ubi Banca -4,57%.