Ftse Mib, dopo i dati Usa possibile di riprendere gli short

Inviato da Riccardo Designori il Ven, 03/12/2010 - 15:09
Quotazione: FTSE MIB
Dopo la prima parte della seduta in moderato rialzo, vira in negativo il Ftse Mib. Il listino milanese paga dazio ai dati relativi all'occupazione Usa diramati nel primo pomeriggio. A novembre negli Stati Uniti la disoccupazione è balzato al 9,8%, massimo da sette mesi. Le buste paga al di fuori del settore agricolo sono salite di 39.000 unità lo scorso mese, con 50.000 nuove assunzioni nel settore privato. Gli economisti si attendevano un miglioramento degli occupati di 140.000 unità il mese scorso e un tasso di disoccupazione invariato al 9,6%. Da un punto di vista operativo l'essere nuovamente scivolato sotto i 20.000 punti rappresenta un elemento di debolezza per il paniere anche in considerazione della presenza di importante resistenze in tale area che erano state solo momentaneamente violate al rialzo nel corso della mattinata. A questo punto è dunque possibile posizionare i propri ordini di vendita a 20.020 punti, lo stop a 20.200 punti e puntare come primo target a 19.630 punti e come secondo a 19.200 punti.
COMMENTA LA NOTIZIA