1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

FTSE Mib al test delle resistenze di area 21.650/21.750 punti, il rimbalzo permette short speculativi su Campari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Riprendono le attività di Borsa dopo la pausa dovuta alle festività pasquali. Le quotazioni del FTSE Mib, dopo il recupero messo a segno dai minimi di periodo registrati lo scorso 15 aprile, scambiano in prossimità delle resistenze dinamiche espresse dalla trendline ascendente tracciata con i minimi crescenti del 2 febbraio e del 3 di marzo. Detta linea di tendenza fu violata al ribasso in occasione della flessione maturata lo scorso 11 aprile. La vicinanza con detta soglia resistenziale potrebbe così favorire lo sviluppo di una strategia ribassista di matrice speculativa. In questa direzione andrebbe la vendita del paniere nell’intervallo compreso tra i 21.650 e i 21.675 punti. Con stop posto sopra i 21.720 punti, il primo target di detta strategia si avrebbe in area 21.330 punti e successivamente in area 20.930 punti. A livello di singole storie societarie, indicazioni d’acquisto sono emerse dopo l’open sul daily chart di Generali. In particolar modo si segnala come le quotazioni del titolo del Leone di Trieste abbiano oltrepassato sul daily chart le resistenze statiche di breve poste in corrispondenza dei 16,37 euro e incrociato positivamente dal basso verso l’alto quelle dinamiche espresse dalla media mobile di breve e medio periodo. Oltre i 16,58 euro il titolo metterebbe nel mirino i massimi di periodo registrati lo scorso 4 aprile. Indicazioni potenzialmente ribassiste invece per Campari. Il rimbalzo che ha caratterizzato i corsi del titolo dai low del 24 marzo ha riportato le quotazioni del gruppo di Sesto San Giovanni in prossimità delle resistenze statiche collocate nell’intervallo tra i 6,25 e i 6,35 euro. Considerando la consistenza della soglia resistenziale in questione e la candela lasciata in eredità dalla seduta dello scorso 17 aprile, ora è possibile valutare ingressi in vendita a 6,20 euro. Con stop oltre i 6,35 euro, il primo target si avrebbe in area 6,05 euro e successivamente a 5,85 euro.