Forex: Pboc aumenta banda oscillazione dello yuan, cresce subito volatilità valuta cinese

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Cina ha aperto a una maggiore oscillazione quotidiana dello yuan. Sabato la People’s Bank of China ha reso noto che a partire da oggi la banda di oscillazione della divisa cinese rispetto al dollaro statunitense sarà di +1/-1% rispetto al +0,5%/-0,5% in vigore dal maggio 2007. La mossa è stata accolta con favore sia da Washington che da tempo spinge verso un più veloce apprezzamento della valuta cinese sia dal Fmi. Il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, ha dichiarato che “accoglie con favore questo importante passo compiuto dalla People’s Bank of China ad aumentare la flessibilità della valuta. Questo sottolinea l’impegno della Cina per riequilibrare la sua economia verso il consumo interno e permettere alle forze di mercato di svolgere un ruolo maggiore nel determinare il livello del tasso di cambio”.

Nel primo giorno di contrattazioni con la nuova banda lo yuan ha mostrato un andamento discendente con una volatilità superiore alla media pur rimanendo all’interno della precedente banda di oscillazione dello 0,5%. In chiusura lo yuan ha ceduto lo 0,2 per cento a quota 6,3130 dopo essere arrivato a cedere lo 0,35%, calo intraday massimo dal 20 gennaio scorso. Discesa favorita dalle tensioni sui mercati circa la crisi del debito europea che ha pesato in generale sulle principali valute emergenti.
“La decisione di allargare la fascia di oscillazione dello yuan va inserita nel contesto di un percorso che va nella direzione della libera fluttuazione della valuta cinese”, commenta oggi Asmara Jamaleh di Intesa Sanpaolo nel suo report quotidiano sui mercati valutari. Una lettura più “contingente” porta anche a interpretare questa mossa come un modo per dare allo yuan maggiore possibilità di indebolirsi, seppure provvisoriamente, in una fase dove le incertezze sulla crescita globale destano preoccupazioni per l’economia cinese. “Tale decisione – prosegue l’esperta di Intesa Sanpaolo – dà in un certo senso la possibilità di assecondare l’orientamento espansivo di policy in cui la Cina si è imbarcata per sostenere la crescita”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RATING

Germania: S&P’s conferma la tripla A, l’outlook è stabile

S&P Global Ratings ha annunciato di aver confermato la valutazione “AAA/A-1+” assegnata alla Repubblica federale tedesca. “L’outlook stabile riflette la convinzione che nei prossimi due anni i conti pubblici tedeschi e il forte avanzo esterno continu…

NPL

Carige: via libera a cessione portafoglio NPL di 950 milioni a veicolo

In linea con le iniziative strategiche contenute nell’aggiornamento del Piano 2016 – 2020 approvato lo scorso 28 febbraio, oggi il Cda di Carige ha approvato la cessione, da concludere “in tempi brevi e comunque entro il 30/6/2017”, di un portafoglio…

RICAVI PRELIMINARI

Luxottica: +5,2% per il fatturato del primo trimestre, outlook confermato

Grazie al forte contributo di Europa e America Latina, all’andamento favorevole dei cambi e all’ottima performance del marchio Ray-Ban, il primo trimestre di Luxottica si è chiuso con una crescita del fatturato del 5,2% a 2.384 milioni di euro (+1,9%…

MERCATI

Borse europee caute, indicazioni deludenti dal Pil a stelle e strisce

Chiusura di settimana all’insegna della debolezza per le borse europee. A Londra il Ftse100 ha terminato a 7.203,94 punti, lo 0,46% in meno rispetto al dato precedente, il Dax si è fermato a 12.438,01 (-0,05%) e il Cac40 a 5.267,33 (-0,08%). Sopra la…