1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Finale in calo per gli indici Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo esser stata per lunga parte della seduta in territorio positivo Wall Street perde terreno nel finale chiudendo in parità. L’attenzione del mercato è rivolta al Fomc, il braccio operativo della Banca centrale Usa. Gli operatori sono sostanzialmente ottimisti e si aspettano che la Fed metta in campo nuove misure per rilanciare la prima economia, anche alla luce dei dati diffusi oggi dal Fondo monetario. L’istituto con sede a Washington ha annunciato di aver tagliato le stime di crescita statunitensi all’1,5% nel 2011 ed all’1,8% nel 2012 (dal +2,5 e +2,7% precedente). Il Dow ha terminato in rialzo di 7 punti a 11.408,66 punti (+0,07%), lo S&P è sceso di 2 punti a 1.202,09 (-0,17%) mentre il Nasdaq con un rosso di 22 punti si è portato a 2.590,24 (-0,86%). Indicazioni contrastanti dal settore immobiliare: sotto le attese i nuovi cantieri, a 571 mila unità ad agosto, mentre il dato relativo i permessi edili, a 620 mila, ha sorpreso positivamente gli operatori.

Tra le storie del giorno -0,87% per General Electric nel giorno in cui la divisione GE Energy ha annunciato di essersi assicurata nuovi contratti per 3 miliardi di dollari complessivi. Dal fronte trimestrali segno meno per Jefferies Group (-1,2%), nonostante il +53% messo a segno dall’utile trimestrale, e ConAgra (-1,71%) i cui utili hanno invece registrato un calo del 42%. La società a margine della presentazione dei conti ha detto di aver ritirato l’offerta da 94 dollari per azione per l’acquisizione di Ralcorp (+0,88%). +3,12% infine per Visa, che ha siglato accordo con Google (-0,01%) per i pagamenti via smartphone tramite il Google Wallet.