Dati di chiusura

Inviato da Flavia Scarano il Lun, 02/07/2012 - 08:53
Giornata scoppiettante per la Borsa di Milano, con il Ftse Mib che è volato di slancio sopra i 14.000 punti trascinato dai vigorosi rialzi dei titoli bancari. Piazza Affari ha festeggiato l'esito del vertice di Bruxelles: il Fondo salva-Stati si attiverà in maniera automatica quando lo spread di una nazione supererà una determinata soglia. La vittoria è in particolare dell'Italia e della Spagna che, per ottenere lo scudo anti-spread, si erano opposte fermamente rifiutandosi di firmare il patto sulla crescita. Patto che è stato siglato in seguito ed ha portato alla nascita di un pacchetto di misure da 120 miliardi di euro. La performance finale di Piazza Affari è da capogiro: il Ftse Mib ha chiuso con un balzo del 6,59% a 14.274 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato del 6% a quota 15.185. Rialzi da capogiro per i titoli del comparto bancario, i più sensibili al calo dello spread: Unicredit ha guadagnato il 14,26% a 2,98 euro, Banco Popolare l'11,31% a 1,058 euro, Intesa SanPaolo l'11,38% a 1,116 euro, Popolare di Milano il 9,64% a 0,375 euro, Bper il 10,09% a 0,375 euro, Mediobanca l'8,75% a 3,48 euro, Ubi Banca l'8,18% a 2,566 euro, Monte dei Paschi il 6,11% a 0,196 euro. Tra i migliori sul paniere principale anche Atlantia (+7,98% a 10,01 euro) e Finmeccanica (+7,06% a 3,184 euro). Ancora nuovi contratti per Saipem, che in Borsa ha mostrato un progresso del 6,60% a 34,90 euro.

Chiusura di ottava (e di trimestre) all'insegna degli acquisti per i listini europei. Le misure anti spread e l'accordo europeo sulla crescita hanno permesso al listino tedesco, il Dax, di guadagnare il 4,33% e di portarsi a 6.416,28 punti. Seduta decisamente positiva anche per il Cac40, salito del 4,75% a 3.196,65, e per l'Ibex, in crescita del 5,66% a 7.102,2. Più indietro il Ftse100 che con un +1,42% ha terminato a 5.571,15 punti.
COMMENTA LA NOTIZIA