1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borse europee, partenza in ribasso

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le Borse europee hanno aperto l’ultima seduta della settimana in ribasso, in scia alla chiusura negativa di Wall Street e dei listini asiatici. Ieri la Borsa di New York ha terminato con cali intorno ai 2 punti percentuali, appesantita dai timori per la crescita economica mondiale, in particolare in Europa. Il governatore della Bce, Mario Draghi, ha ribadito la necessità per i governi dell’Eurozona di implementare le riforme strutturali. Tra gli appuntamenti odierni il dato sulla produzione industriale dell’Italia e l’assemblea annuale di Fmi e Banca mondiale. In questo scenario la Borsa di Londra segna in avvio un -0,71% a 6385 punti, mentre a Francoforte il Dax scivola dello 0,93% a 8921 punti e a Parigi il Cac40 cede lo 0,75% a 4110 punti.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Wall Street: partenza in rialzo dopo verbali Fed e accordo Opec

Wall Street ha aperto in rialzo per la sesta seduta consecutiva. In avvio l’indice Dow Jones sale dello 0,22%, l’S&P500 guadagna lo 0,19% e il Nasdaq incaszsa un +0,32%. A sostenere gli scambi alcune buone trimestrali societarie, come quella di Hp e …

MERCATI

Borse europee: partenza in rialzo, focus sul vertice Opec

Le Borse europee hanno aperto in rialzo, in scia ai guadagni di Wall Street e dei listini asiatici, con la piazza azionaria di Tokyo in rialzo dello 0,36%. In avvio Francoforte sale dello 0,40%, Parigi incassa un +0,44% e Londra sale dello 0,19%. Sec…

MERCATI

Piazza Affari e Borse europee previste in rialzo, oggi il vertice Opec

Piazza Affari e le Borse europee sono attese positive in avvio, in scia ai guadagni di Wall Street ieri sera con la Federal Reserve ormai vicina a una stretta monetaria. Secondo i verbali dell’ultima riunione, diffusi ieri, la banca centrale american…

MERCATI

Borsa di Tokyo chiude in rialzo

La Borsa di Tokyo ha chiuso la seduta odierna in rialzo, sostenuta dai guadagni a Wall Street dopo che i verbali dell’ultima riunione della Federal Reserve hanno indicato una possibile stretta monetaria nel breve termine, probabilmente già a metà giu…