1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Wall Street futures in calo, tassi Treasuries tornano sopra l’1,6%. Tesla giù, paga ancora incidente mortale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Futures Usa in ribasso dopo che gli indici azionari Usa Dow Jones e &P 500 hanno ritracciato ieri dai livelli record testati venerdì scorso: il Dow Jones Industrial Average ha perso 123,04 punti a 34.077,63 punti. Lo S&P 500 ha sofferto un calo dello 0,53% a 4.163,26 punti, mentre il Nasdaq Composite è sceso dello 0,98% a 13.914,77 punti. Alle 11.50 circa ora italiana, i futures sul Dow Jones scendono dello 0,39%, più di 130 punti, a 33.825 punti; i futures sullo S&P arretrano dello 0,31% a 4.142 punti circa, mentre quelli sul Nasdaq scendono dello 0,19% a 13.871 punti.

Focus sui tassi sui Treasuries decennali Usa, che hanno iniziato la settimana in rialzo oltre l’1,6%, a fronte del 2,29% dei tassi trentennali. Al momento i decennali salgono all’1,61% circa.

A Wall Street Tesla rimane osservata speciale: il titolo ieri ha perso il 6,5% nei minimi intraday, riportando la flessione intraday più forte dal 18 marzo scorso e scivolando fino a $691,80.

L’azione ha poi chiuso in calo del 3,40% e in premercato è ancora negativa, in ribasso dell’1,4%.

A zavorrare le quotazioni del colosso delle auto elettriche fondato da Musk è stato l’incidente stradale in cui hanno perso la vita due persone, avvenuto sabato notte a nord di Houston con il veicolo 2019 Tesla model S.

Dalle prime ricostruzioni è emerso che nessuno era alla guida del veicolo, che si è schiantato contro un albero, e ha preso fuoco. Elon Musk ha commentato la notizia scrivendo che “i dati finora recuperati dimostrano che l’Autopilot non era stato attivato e che quest’auto non aveva a disposizione l’FSD”.

Due le indagini che sono state lanciate sull’incidente stradale, da parte delle due agenzie federali americane National Highway Traffic Safety Administration e National Transportation Safety Board.

Tesla ha sofferto anche il Black Sunday che ha colpito le criptovalute e che ha portato in modo particolare il Bitcoin – in cui il produttore di auto elettriche ha investito mesi fa 1,5 miliardi di dollari – a scivolare nella giornata di domenica di ben il 19,5% dai massimi intraday riportati dalla criptovaluta numero uno al mondo, affondando fino a $52.148,98 rispetto al record di oltre quota $64.800 dei giorni scorsi. Il Bitcoin è capitolato anche nella sessione di ieri, e oggi scende di oltre -3% a $55.000 circa.

Attesa oggi, nel pieno della stagione degli utili trimestrali, per i bilanci di Johnson & Johnson e di Netflix.