1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Wall Street: Dow Jones e S&P inaugurano 2021 con nuovi record. Attenzione a news su metà dose vaccino Moderna

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sia il Dow Jones che lo S&P 500 hanno inaugurato il 2021 testando all’inizio della prima sessione dell’anno nuovo valori record, per poi ritracciare, dopo aver concluso l’ultima sessione del 2020, lo scorso giovedì, a valori massimi di chiusura.

Alle 16 ora italiana il Dow Jones cede lo 0,28%, a 30.522 punti circa; il Nasdaq è piatto e oscilla attorno a 12.884 punti. Lo S&P 500 cede lo 0,16% a 3.749.

Il 2020 è stato un anno positivo per la borsa Usa, nonostante l’emergenza sanitaria ed economia provocata dalla pandemia del coronavirus Covid-19: il Dow Jones ha completato l’anno con un balzo del 7,3%, mentre lo S&P 500 è volato del 16,3%.

Entrambi gli indici azionari, in corrispondenza dei minimi dell’anno toccati subito dopo i primi alert sull’emergenza sanitaria del coronavirus Covid-19, avevano riportato perdite fin oltre -30%, prima di recuperare terreno.

La star di Wall Street, nel 2020, è stata il Nasdaq Composite: l’indice è volato nel 2020 del 43,6%, riportando il guadagno su base annua più forte dal 2009.

Attenzione oggi al titolo Moderna, che sale di quasi +4%, dopo che Moncef Slaoui, responsabile dell’Operation Warp Speed, ha riferito nella giornata di ieri che gli Stati Uniti potrebbero velocizzare le vaccinazioni, somministrando metà dose del vaccino di Moderna a un gruppo di pazienti:

“Sappiamo che, nel caso del vaccino Moderna, somministrare metà dose a persone che hanno una età compresa tra i 18 e i 55 anni, induce una risposta immunitaria identica a quella del dosaggio di 100 microgrammi”, ha detto Slaoui.

Tra i titoli osservati speciali nella sessione odierna anche Tesla, che sale di quasi il 5%, dopo che il colosso delle auto elettriche fondato da Elon Musk ha comunicato nella giornata di sabato di aver consegnato nell’ultimo trimestre 180.570 auto elettriche, al di sopra delle stime del consensus. Tuttavia, nell’intero 2020 Tesla ha consegnato 499.550 veicoli, deludendo -seppur di poco -la sua guidance più recente, che prevedeva la consegna di 500.000 unità.