1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Visco: redistribuzione da sola non basta per contrastare disuguaglianze

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le disuguaglianze a livello mondiale non sono diminuite dopo la crisi finanziaria globale del 2007-08 e, specialmente in alcuni paesi avanzati, hanno continuato ad ampliarsi anche durante la ripresa. Negli Stati Uniti, ad esempio, la quota del reddito complessivo afferente all’1 per cento più ricco della popolazione è aumentata di 5 punti percentuali tra il 1988 e il 2014, al 20 per cento, di cui circa 1 punto dal 2008. Sono le premesse da cui parte Ignazio Visco, governatore di Bankitalia, nel discorso tenuto oggi presso l’Accademia dei Lincei a Roma.

Visco rimarca che anche in Italia, come negli altri paesi avanzati, sono necessari interventi che possano contrastare la perdita di posti di lavoro e l’aumento delle disuguaglianze. “Gli interventi tradizionali di tipo redistributivo non devono sostituirsi alle riforme strutturali da anni al centro del dibattito economico e politico – asserisce Visco – ma possono affiancarle, contribuendo a mitigare i costi della transizione. Le opportunità di lavoro si creano assicurando una crescita sostenuta e duratura; non basta un semplice sollievo congiunturale. Per questo è anche necessario garantire la stabilità finanziaria, soprattutto riducendo il peso del debito pubblico sulla nostra economia”.