1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

UniCredit, Mustier: ‘fermamente impegnati a ripristinare distribuzione capitale’

QUOTAZIONI Unicredit
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“Rimaniamo fermamente impegnati a ripristinare la nostra politica di distribuzione del capitale prevista in Team
23, che abbina alla distribuzione del 50 per cento degli utili netti sottostanti, da realizzarsi con un mix di dividendi in contanti e riacquisto di azioni, la distribuzione graduale, a partire dal 2021, del capitale in eccesso, soggetta a ricevere il “via libera” regolamentare (ovvero da parte della Bce). Così l’amministratore delegato di UniCredit, Jean Pierre Mustier, commenta i risultati di bilancio della banca italia:

“Grazie alle nostre solidissime posizioni di capitale e di liquidità, continueremo a supportare tutti i nostri clienti
indipendentemente da qualsiasi circostanza. Siamo stati pronti a sostenere l’aumento dell’attività della clientela
durante il terzo trimestre in seguito all’allentamento dei lockdown nell’Europa occidentale, e rimaniamo al fianco
delle nostre comunità per far fronte alla seconda ondata di Covid-19″.

“Continuiamo a beneficiare della positiva attuazione di Transform 2019, oltre che delle iniziative di Team 23, e
grazie all’accelerazione nella trasformazione del modello di business abbiamo migliorato il nostro target sui risparmi lordi di Team 23 del 25 per cento a €1,25 miliardi. Siamo in linea con i tempi previsti per conseguire il nostro obiettivo di utile netto sottostante superiore a €0,8 miliardi per il FY20 e confermiamo il nostro target tra €3 e €3,5 miliardi per il FY21. Accantonamenti prudenziali e rigorosa disciplina creditizia sulla base di assunzioni realistiche sono tratti distintivi del nostro Gruppo. Confermiamo nuovamente il nostro costo del rischio contabile per il FY20 a 100-120 punti base, grazie alla nostra volontà di anticipare impatti futuri e stagionalità nel quarto trimestre del 2020. Confermiamo anche il nostro target sul costo del rischio contabile per il FY21 nella fascia più bassa dell’intervallo tra 70 e 90 punti base con costo del rischio sottostante prossimo ai 60 punti base.