1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Tutto apparecchiato per un altro semestre di rally per le Borse, ma ci sono due grandi preoccupazioni

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I mercati saranno in grado di spingere ancora sull’acceleratore verso la seconda metà dell’anno, riuscendo a toccare livelli record spinte da un’economia forte e da una robusta crescita degli utili? E’ l’enigma che aleggia tra gli investitori subito dopo che è stata archiviata una prima metà d’anno con mercati avanti tutta. Il mercato azionario è registrato infatti il secondo miglior primo semestre in 23 anni, con l’S&P 500 balzato del 16% e sui top storici. 

Ci sono due grandi preoccupazioni che aleggiano tra gli operatori: da una parte l’inflazione e dall’altra la prospettiva di una politica monetaria meno accomodante, dettata proprio dalle pressioni sui prezzi.

Gli esperti in sostanza avvertono che ci sono rischi di un dietrofront dei mercati. “Forte crescita, forti guadagni, bassi tassi d’interesse, un mercato obbligazionario che si è cullato nel sonno. I rendimenti obbligazionari non stanno davvero reagendo alle notizie sull’inflazione”, ha detto Ethan Harris, capo della ricerca economica globale della Bank of America. “[Il presidente della Fed Jerome] Powell ha fatto un buon lavoro per calmare le onde nel mercato obbligazionario, quindi questo è Goldilocks (Riccioli d’oro) per le azioni”.

I timori per i mercati nella seconda metà dell’anno

Ma ci sono alcuni rischi che gli strateghi stanno osservando nella seconda metà del 2021. Uno riguarda la possibilità che la Federal Reserve inizierà a discutere il rallentamento dei suoi acquisti di obbligazioni, primo passo lontano dalle politiche accomodanti messe in atto durante la pandemia. La tempistica per questo non è nota, ma molti osservatori della Fed si aspettano che la banca centrale inizi la discussione al simposio di Jackson Hole a fine agosto.

Il secondo motivo di preoccupazione è sempre alla Fed, e riguarda il timore che le letture dell’inflazione non siano davvero fugaci come si aspettano i banchieri centrali, ma che l’aumento dei prezzi possa diventare un problema più grande per l’economia. La preoccupazione è che letture più alte dell’inflazione potrebbero accelerare il calendario della Fed sui rialzi dei tassi di interesse, attualmente previsto dai funzionari per iniziare nel 2023.

L’economia ha bisogno di mostrare un miglioramento entro diversi mesi. “È un po’ come se si avesse un pass gratuito per l’estate”, ha detto Harris. “Il mercato sta accettando qualsiasi numero, che sia sull’inflazione di base, sui salari o sulle aperture di posti di lavoro. Settembre è il mese magico per tutti. Se non inizia a migliorare, non è più Goldilocks”.

A settembre finiscono i sussidi di disoccupazione estesi per molti americani, e molti potrebbero finire lo smart working e le scuole riaprono.

Un altro fattore importante che incombe sui mercati globali è il corso della pandemia. La diffusione della variante delta sta causando arresti economici in alcune parti del mondo, in particolare in Asia. Ma il mercato è stato in grado di spazzare via le preoccupazioni. “Il mercato non si preoccupa della variante perché si sa che più ci vacciniamo, più possiamo affrontarla”, ha detto Peter Boockvar, chief investment officer di Bleakley Global Advisory. E’ molto più preoccupante per i mercati l’inflazione e come le banche centrali rispondono ad essa a livello globale. “Per me l’inflazione è la criptonite, ed è solo una questione di se possiamo cacciare via la criptonite o se sta andando ad aleggiare intorno a noi più a lungo di quanto siamo abituati a vedere”, ha detto Boockvar. “Se si cominciano a vedere le statistiche di agosto, settembre e ottobre che mostrano che l’inflazione è molto appiccicosa, la Fed non ha altra scelta se non quella di ridurre le emissioni”.

L’indice dei prezzi al consumo è saltato bruscamente questa primavera, aumentato del 5% su base annua a maggio, il ritmo più veloce dal 2008 quando i prezzi del petrolio erano alle stelle. La Fed ha come obiettivo un range medio intorno al 2%. Nel frattempo, le azioni si stanno muovendo più in alto perché gli investitori contano su una crescita dei profitti del 40% quest’anno e considerano quei numeri elevati dell’inflazione come temporanei. L’economia è in pieno boom, e si dirige verso la seconda metà dopo una crescita prevista del 10,4% nel secondo trimestre.