1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Uncategorized ›› 

Treasury: Goldman Sachs si chiede fino a dove potrebbero spingersi i rendimenti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’ascesa dei rendimenti dei Treasury Usa si è presa una pausa nelle ultime sedute dopo i picchi a oltre un anno toccati nelle scorse settimane sopra quota 1,75% per il decennale. Tra gli strategist di Wall Street si susseguono le previsioni circa il possibile livello a cui potrebbero salire i rendimenti nei prossimi mesi in coincidenza con l’attesa forte ripresa dell’attività economica grazie all’effetto vaccini.

Il forte selloff nei mercati obbligazionari globali nell’ultimo mese ha sollevato interrogativi su quanto ancora possano salire i rendimenti. “Gli aumenti dei rendimenti sono avvenuti in anticipo di diversi mesi rispetto al possibile arrivo di dati eccezionalmente forti sia sul fronte crescita economica che dell’inflazione”, argomenta Goldman Sachs che si chiede se nei prossimi trimestri il Treasury a 10 anni possa spingersi a rendimenti superiori al’1,9% che attualmente è il livello previsto dalla casa d’affari Usa. Goldman indica come plausibili livelli di rialzo del rendimento oltre il previsto introno al 2,25-2,4%. “Il fatto che la Fed sarà probabilmente in attesa per i prossimi due anni è un forte fattore limitante per rendimenti più alti a 10 anni, anche dopo aver fatto un po’ ipotesi estreme su curve dei rendimenti, tassi reali e premi per il rischio obbligazionario”.