1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Tesla sotto attacco in Cina dopo protesta cliente a Salone Shanghai, le scuse non bastano

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Settimana tormentata per Elon Musk e Tesla. Dopo l’incidente mortale in Texas che ha coinvolto una Tesla, il colosso delle auto elettriche è adesso al centro delle polemiche in Cina.
A scatenare il polverone è stata la plateale protesta di un cliente scontento al salone dell’auto in corso a Shanghai. Il video della protesta è poi divenuto virale sui social e che ha costretto il produttore di auto elettriche a porgere le sue scuse.

La protesta e le scuse di Tesla che non convincono Pechino

Lunedì un cliente scontento si è arrampicato su una Tesla al salone dell’auto di Shanghai in segno di protesta per la gestione da parte della società delle sue lamentele sui freni malfunzionanti, innescando una tempesta sui social media e successivo intervento di regolatori e media statali. A sollevare la protesta è stata una donna che indossava una maglietta decorata con le parole “I freni non funzionano” ha gridato accuse riferendo che i freni difettosi su una Model 3 hanno causato un incidente e lasciato i suoi genitori con ferite che hanno richiesto il ricovero in ospedale. Tesla avrebbe risposto un mese fa quando si è verificato l’incidente, dicendo che l’autista stava accelerando al momento dell’incidente, citando un rapporto della polizia.
Il Partito Comunista ha dichiarato sulla piattaforma cinese WeChat che Tesla “deve affrontare il tormento dei suoi clienti cinesi”.
Tesla martedì si è scusata con i consumatori cinesi per non aver affrontato il reclamo in modo tempestivo e ha affermato che lancerà una revisione del suo customer care in Cina. Il giorno prima Grace Tao, vicepresidente di Tesla China, aveva detto a un media locale che “non c’è possibilità che Tesla scenda a compromessi” e ha detto sospettando che ci fosse qualcuno dietro la protesta del cliente a Shanghai. L’intervista ha suscitato accuse di “arroganza” da parte di Tesla da parte dei media statali.

Accuse su controllo qualità 

Il regolatore del mercato cinese ha esortato Tesla a garantire la qualità del prodotto nel paese, mentre l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua ha affermato che le scuse di Tesla non sono state adeguate e sincere. “Una grande azienda dovrebbe avere la responsabilità di essere una grande azienda, nessuna azienda può fare quello che vuole”, scrive Xinhua.
Nel frattempo, il Global Times, un tabloid gestito dal People’s Daily ufficiale del Partito Comunista, ha pubblicato una storia su un incidente mortale che avrebbe coinvolto una Tesla, sollevando maggiori preoccupazioni sui problemi di controllo della qualità della casa automobilistica statunitense.

Cina mercato chiave per Tesla

La Cina rappresenta il 30% circa delle vendite globali di Tesla che produce automobili nella propria fabbrica a Shanghai. Quello cinese è un mercato chiave per Tesla con i consumatori cinesi che stanno abbracciando sempre più la rivoluzione elettrica. A marzo le vendite di veicoli elettrici in Cina hanno superato il simbolico 10% delle vendite totali di veicoli del principale mercato auto globale.
Tesla non è nuova a momenti di tensione con Pechino. A marzo è stata sotto i riflettori quando i militari hanno vietato alle auto Tesla di entrare nei loro complessi, citando preoccupazioni di sicurezza per le telecamere nei suoi veicoli. Tesla ha precisato che le telecamere delle sue auto non sono attivate al di fuori del Nord America.
Il tutto si colloca all’intero di rapporti tesi tra il corporate Usa e la Cina. Gli utenti internet cinesi il mese scorso hanno iniziato a chiedere il boicottaggio di marchi tra cui H&M e Nike in dichiarazioni precedenti affermando che non usano cotone dello Xinjiang, dove alcuni ricercatori e legislatori stranieri affermano che le autorità usano la coercizione lavoro per soddisfare i bisogni stagionali, cosa che la Cina nega.