1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Spectrum Markets infrange il muro dei 500 milioni di certificati scambiati

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel mese di gennaio 2021 su Spectrum Markets, la borsa pan-europea per strumenti certificati, sono stati scambiati 70 milioni di certificati. Questo rappresenta un aumento del 46% rispetto al mese precedente. Dal lancio (ottobre 2019), sono stati scambiati 500 milioni di certificati. Il 27 gennaio, inoltre, è stato fissato un nuovo massimo con 16.018 ordini piazzati in una singola giornata di contrattazioni. La percentuale di scambi avvenuta fuori degli orari tradizionali di negoziazione (ovvero dalle 17:30 alle 09:00) è stata del 35,8%.
Nel dettaglio, i volumi di scambio in gennaio si sono così suddivisi: l’82,3% del totale è attribuibile ai certificati sugli indici (79,7% a dicembre), il 13,4% a quelli sulle valute (13,3% a dicembre) e il 4,3% agli strumenti sulle materie prime (7% a dicembre). I sottostanti maggiormente scambiati sono stati l’OMX di Stoccolma (31,6%), l’S&P (17,8%) e il DAX (16,8%). Tutti i 21 sottostanti sono stati scambiati.

Spectrum Markets è il mercato pan-europeo dove gli investitori al dettaglio possono scambiare certificates attraverso i loro broker. Dal suo lancio, i prodotti sono disponibili nei seguenti paesi: Germania, Francia, Italia, Spagna, Svezia, Norvegia, Paesi Bassi, Irlanda e Finlandia. Regolamentato dalla BaFin e allineato alla MiFID II, il mercato di Spectrum Markets utilizza un sistema unico ad architettura aperta che permette agli investitori di operare avendo a disposizione una scelta più ampia, con maggiore controllo e stabilità. Attraverso un ISIN pan-europeo, la possibilità di accesso 24/5 e una piattaforma proprietaria, Spectrum è in grado di garantire un livello di liquidità di base sull’intera gamma di strumenti, di provvedere all’abbinamento di un numero significativo di ordini in maniera rapida e sicura e di elaborare svariate quotazioni ogni secondo.